iPhone Jailbroken, l’autonomia



Statistiche e prove hanno individuato una grave carenza da parte degli iPhone sottoposti alla pratica del Jailbreak, che li rende molto poco appetibili: la riduzione di autonomia.

È infatti verificato che, purtroppo, i telefoni con all’interno installato Cydia ed affini sono soggetti ad una piccola (ma neanche tanto, circa il 15% !) defaillance per quanto riguarda la durata della batteria.

Ciò si spiega facilmente considerando che tutto sommato il sistema operativo che girerà sull’hardware del telefono non sarà più quello originale, progettato dagli ingegneri Apple, i quali sono stati sempre molto attenti a renderlo il più ottimizzato possibile, ma bensì sarà un sistema operativo sottoposto ad operazioni di patch e rattoppi vari (per renderlo, per così dire, “open”).

Purtroppo il problema della riduzione di autonomia è più facilmente avvertibile sui terminali “vecchi” (per quanto un iPhone 3GS possa essere considerato vecchio!!) anzichè sull’ultimo arrivato, l’iPhone 4. In questo caso, infatti, è stimato che la riduzione di autonomia sarà praticamente non percettibile.

Ci sono, però, delle soluzioni per così dire “intelligenti” a questo problema, che lo potranno non solo neutralizzare, ma anzi potranno addirittura volgere dalla nostra parte la questione dell’autonomia nell’ambito del Jailbreak.

Esistono dei programmi, infatti, come “SBSettings” che, con un semplicissimo click effettuato da qualunque schermata del telefono (clipboard, lock screen, qualunque applicazione) consente di disabilitare i servizi “che consumano”, quali “3G”, “Localizzazione”, “Wifi” e “Bluetooth”, oltre a darci la possibilità di “killare” i processi in corso sull’iphone.

Vi spiego qual è il mio utilizzo principale di SBSettings, e in che modo mi ha aiutato per quanto riguarda la questione autonomia: la mattina tolgo il telefono dalla carica, e in tale occasione disabilito tutto: wifi, 3g, bluetooth e localizzazione. Da rete Tre, in pochi secondi, passa a tim.

Quindi scendo, e resto per quanto più tempo è possibile in questa configurazione qui. Se, mettiamo caso, dovessi connettermi in mobilità da un punto noto (tipo università), con un semplice slide sullo screen potrò riattivare il wifi od il 3g, ed in trenta secondi sarò pronto a connettermi. Non appena finito di fare quello che devo fare, in due secondi disattivo tutto e ripongo il telefono. Stesso discorso chiaramente vale per ciò che riguarda la localizzazione: se dovrò usare mappe o Navigon, attiverò il servizio per poi disattivarlo non appena finito.

Parlandoci chiaramente, il Tempo di utilizzo del telefono è passato dalle 5 ore abbondanti del telefono non jailbreakkato, a 9 ore scarse del telefono jailbreakkato che utilizzo adesso.

Così facendo, con un pò di criterio siamo riusciti a risolvere anche il problema della riduzione di autonomia che spaventa molte persone e che ha fatto passare la voglia a tanti di fare il Jailbreak.

Vorrei ricordare a tutti che il Jailbreak è stata resa una procedura legale da una sentenza del tribunale del passato luglio.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest