Jailbreak, cosa si rischia?



Da un po’ di anni a questa parte è molto diffuso il cosiddetto “jailbreak”, che consiste nella rottura dei vincoli imposti da Apple sull’iPhone per poter installare sullo smartphone della mela applicazioni non approvate dallo store, modificare il comportamento del melafonino o installare App crackate.

Inizialmente il jailbreak consentiva di usufruire di molte funzionalità delle quali Apple non aveva ancora dotato l’iPhone (MMS, Multitasking, cartelle…) ma poi, di versione in versione, Apple ha limitato questo gap introducendo via via nuove funzionalità… fino a rendere il jailbreak sostanzialmente inutile (ormai aggiunge solo qualche utility di poco conto della quale si può fare benissimo a meno oppure consente ai pirati di non pagare le applicazioni da 79 cent… a dir poco squallido!).

Ma, a fronte di vantaggi così limitati, quali i sono i contro di questa pratica non approvata da Apple? Ce ne sono davvero a bizzeffe, mi limiterò ad elencarvi i principali:

1) La garanzia del telefono viene in validata. Apple non approva la pratica del Jailbreak e può rifiutare a chi lo ha praticato di riparare o sostituire il telefono in caso di guasti. Molti credono che un ripristino del dispositivo eviti questo rischio, ma in realtà a volte questa operazione è impossibile (iPhone “brickato”, ovvero totalmente bloccato al punto da rendere impossibile perfino la modalità DFU) e comunque Apple sa benissimo quali iPhone sono stati mai Jailbroken grazie ad una stringa di codice che iTunes invia alla casa madre ogni volta che l’iPhone viene connesso e che identifica gli iPhone sbloccati: “<Error>: Determine_activation_state: The original activation state is FactoryActivated”.

2) iPhone diventa più lento e instabile, e la batteria dura il 15% in meno a parità di condizioni. Questi fenomeni dipendono dal fatto che l’operazione di sblocco consiste in un rattoppamento del firmware dell’iPhone, con pezzi di codice presi da varie versioni diverse e poi modificati… dite pure addio alla maniacale ottimizzazione del codice che gli ingegneri Apple inseguono con tanta ostinazione!

3) Alcune app non funzionano o funzionano male, altre non sono supportate (ad esempio Skype). Molti produttori non si curano di testare le App su iPhone jailbroken o addirittura boicottano di proposito tali terminali per contrastare la pirateria informatica connessa al Jailbreak.

4) L’iPhone diventa più insicuro, infatti il jailbreak rimuove la maggior parte delle protezioni che rendono iPhone tanto ostico contro gli attacchi di cracker (hacker “cattivi”) di vari livelli di bravura, rendendo decisamente più semplici (alcuni hacker hanno detto che viene meno l’80% della sicurezza) attacchi maliziosi dei più disparati tipi e addirittura rendendo possibile essere infettati da virus informatici. Inoltre le applicazioni possono ora accedere a dati prima loro preclusi (numero della carta di credito, impostazioni di sistema ecc.) rendendo possibile da parte di sviluppatori maliziosi la creazione di app “cavallo di troia” che apparentemente hanno una certa funzione, ma di nascosto carpiscono i dati della carta di credito o rendono inservibile il terminale o, addirittura, danneggiarne irreversibilmente l’hardware.

5) Non è possibile aggiornare il telefonino senza perdere il jailbreak, costringendo l’utente a tenere una versione del firmware vecchia e con bug noti, incrementando il rischio di attacchi di cui al punto 4 (quando viene rilasciata una versione nuova vengono tappate alcune falle di sicurezza, che da quel momento in poi diventano note e documentate, a tutto vantaggio dei cracker che vorranno sfruttarle), inoltre si deve rinunciare alla praticità di collegare l’iPhone e lasciare che iTunes faccia tutto da sé: sincronizzazione, backup, eventuali aggiornamenti. Ora bisogna stare bene attenti, e ad ogni nuova versione bisogna farsi mille giri su mille tutorial per capire come sbloccare l'”ultima” (magari nel frattempo ne sono uscite altre due) versione del firmware e impergolarsi in operazioni non sempre semplici e pratiche (tipo salvare il file ECID).

Insomma in conclusione, per quanto mi riguarda, si può dire senza ombra di dubbio che il Jailbreak sia qualcosa di assolutamente sconsigliabile in questo momento.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Mirko

    Prima di scrivere fesserie documentati skipe funziona alla perfezione, l’iPhone si può tranquillamente sincronizzare con iTunes vasta installare un’apposita app. Che si trova su cydia…. E l’iPhone sbloccato è totalmente sicuro quanto uno originale!!!! Ps quando vengono rilasciati aggiornamenti da Apple alcuni di questi vengono sbloccati ancora prima del rilascio della golden master

  • Danirko

    Apple ha migliorato i propri software grazie agli iPhone jailbreken tanto è vero che alcune migliorie sono copiate spudoratamente da cydia e poi Apple mette restrizioni assurde ti sembra normale pagare un tel 700€ e non poter cancellare le chiamate singolarmente o non poter utilizzare il Bluetooth con altri tel o ancora non poter videochiamare tel diversi da iPhone !!!!! Un rimedio c’è lo SBLOCCO

  • Non ho detto che non si può sincronizzare, ma che non si può aggiornare automaticamente (“è disponibile un nuovo aggiornamento, scaricare?”… non so se hai presente).
    Per quanto riguarda gli aggiornamenti sbloccati prima della golden master è vero, ma è anche vero che poi al rilascio non sono sbloccati dato che è proprio all’ultimo che vengono chiuse le falle usate da chi fa il jailbreak.
    Infine, la sicurezza dell’iphone jailbroken è irrimediabilmente compromessa, documentati tu prima di accusare gli altri di negligenza. Come ho scritto circa l’80% delle misure di sicurezza di cui è dotato un iphone “normale” vengono meno, trovi online tutte le informazioni più specifiche. (magari cerca Charlie Miller, ammesso che tu sappia chi è, il quale ha dichiarato “If you care about security, don’t use a jailbroken iPhone,”

  • @Danirko: L’articolo non riguardava il (presunto) beneficio che ha tratto Apple da questa pratica, quanto gli (innegabili) svantaggi che subiscono quelli che lo effettuano sul proprio terminale. Magari ora puoi cancellare le chiamate singolarmente (wow!), però un programma qualunque ti può danneggiare il telefono “da 700€”… una prospettiva allettante :D

  • Jailbreak

    Caro giornalista non mi sembra tu sia molto documentato in materia…… Aiaiai!!!!!! E poi vedi lo sblocco non è voler scaricare app a scrocco ma deve servire solo a migliorare il cellulare e ci riesce alla grande provare per credere senza false ipocrisie

  • Nessuna falsa ipocrisia, le cose che ho scritto sono tutte documentate e basta girare un po’ in rete per rendersene conto. Comunque molti lo fanno solo per scaricare le app a scrocco, ma l’articolo non parlava neanche di questo: quanto dei problemi che si hanno e di quelli che si possono avere

  • PS: sei un po’ ridicolo a scrivere tre messaggi fingendoti tre persone differenti… cresci e assumiti le tue responsabilità :D

  • Mirko

    Charlie Miller, esperto di sicurezza informatica, ha scoperto una vulnerabilità all’interno del sistema operativo dell’iPhone, dandone una dimostrazione pratica durante il Black Hat Europe. Sostanzialmente, questa falla permette di fare degli attacchi da remoto usando la shellcode. Semplicemente inserendo delle istruzioni via riga di comando, un malintenzionato può controllare potenzialmente qualunque iPhone.

    Dopo essere riuscito a prendere il controllo dello smartphone di Apple è possibile ottenere una serie di informazioni personali e di eseguire potenzialmente qualunque tipo di operazione.

    Fino ad ora questo bug era considerato non funzionante sugli iPhone originali. In ogni caso i possessori di un iPhone possono stare tranquilla, dato che per poter essere eseguito, questa oeprazione ha bisogno di un particolare tipo di bug, che fino ad ora non è stato rilevato in alcun software disponibile per iPhone.

    Per chi non conoscesse Charlie Miller e magari dubitasse dell’importanza della sua scoperta, basti pensare che è stato per due anni consecutivi il vincitore del CanSecWest, il famoso contest organizzato con lo scopo di scoprire delle falle e delle vulnerabilità all’interno dei principali sistemi operativi e dei browser.

    Al momento dovremmo essere relativamente tranquilli, ma la Apple dovrebbe subito fare qualche cosa per ovviare ad un potenziale problema di sicurezza legato al suo smartphone e far stare tranquilli i suoi utenti. ( questo bug sia per iPhone originali e non è stato risolto sia da apple con l’ultimo aggiornamento 4.2 e sia da saurik per i possesori di iPhone 4.1 attraverso l’app PDF patch) ps non intendevo offendere nessuno è che mi da fastidio leggere articoli che parlano di tante cose a sfavore e mai dei pró

  • Mirko

    Non mi fingo tre persone differenti ma siamo qui in tre e tutti abbiamo detto quello che pensavamo

  • Forse ho visto male gli IP, ma mi sembravano proprio identici, a parte quello di “Jailbreak” che ha una mail creata all’occorrenza per scrivere questo commento.

    Comunque al di là di questo è stato proprio Charlie Miller uno di quelli che ha detto chiaro e tondo che un iPhone con Jailbreak perde l’80% delle misure di sicurezza, diventando quindi intrinsecamente più insicuro.

    Che poi il Jailbreak abbia i suoi vantaggi può anche essere vero, ma mi pare che di questo si parli già molto in giro… quello che quasi sempre ci si scorda di dire sono i suoi molti contro ;)

  • giangi83

    una persona paga questo bel telefono 700 euri e poi deve sentirsi obbligato a fare quello che dice apple e no io lo pago e ne faccio quello che voglio posso pure buttarlo dal ponte che hai signori del apple non si devono interessare di tutto cio noi con i nostri oggetti una volta pagati ne facciamo quello che vogliamo senza dare conto a nessuno
    p.s. naturalmente per alcune cose che si fanno a nostro rischio e pericolo.

  • Ovviamente chi ha un iPhone ci fa quello che vuole, sapendo che determinate azioni (come il Jailbreak) invalidano la garanzia e danno/possono dare i problemi evidenziati nell’articolo (e altri non menzionati)

  • Abr77

    Do super-ragionassimo al giornalista! Il jailbreak è inutile, insicuro e rallenta tantissimo il telefono! Ho sbloccato ieri il mio ipod touch per il consiglio di un amico ma dopo un’ora l’ho riboccato perchè faceva veramente schifo ! Ora scrivo felicemente dal mio iPod touch bloccassimo, e sono felice che lo sia! Una domanda per io giornalista: l’ho ribloccato scaricando il software 4.0.2, ho ancora rischi dato che è stato sbloccato solo per poco più di un’ora?

  • I rischi dei punti 2, 3, 4 e 5 sono del tutto annullati. C’è solo la remota possibilità che Apple tramite quella stringa ti abbia “sgamato” il JB e invalidato la garanzia, ma è davvero una cosa MOLTO improbabile. In futuro però le cose potrebbero cambiare e Apple potrebbe diventare più severa a riguardo. Però dato che ormai hai tolto tutto credo che questo non ti riguarderebbe, in ogni caso.

  • Abr77

    Ok grazie mille :D

  • prapapazzo

    Lasciate Apple a chi non é capace ed invece di sbloccare iphone prendetevi uno smartphone con androidi! Ciau! !!

Pinterest