Kerio Personal Firewall



20090529kerio

E’ efficace , in italiano, disponibile in una versione di prova gratuita che, trascorsi 30 giorni dal suo utilizzo, poi diventa limitata delle funzionalità. Il software non si caratterizza certo per una interfaccia pienamente intuitiva: questo non rappresenta un buon biglietto da visita per favorire approcci da parte di utenze alle prime armi. Apprezzabile risulta invece la struttura di insieme dell’applicativo, grazie ad una organizzazione ordinata che lo rende disponibile in più moduli distinti, ciascuno incaricato di effettuare una diversa operazione. Abbiamo così un modulo di network security, che si occupa di effettuare il controllo di tutto il traffico di rete del pc, attraverso l’implementazione di due tipi di regole: quelle di applicazioni, che abilitano o vietano la comunicazione per tool specifici, e quella filtri di pacchetti, che regolano il traffico sulla base di opportuni valori forniti per indirizzi IP. Vi è poi il sistema ids che ha il compito di tener traccia di tutti i tentativi di accesso, che saranno opportunamente memorizzati in un apposito modulo in modo da schedare ogni caratteristica dell’intruso. Una piccola ingenuità di progettazione impedisce di effettuare il test di affidabilità su una data applicazione, senza che questa venga  prima attivata all’interno del sistema: questo potrebbe in alcuni casi nascondere pericolosi parassiti che alla lunga, nella peggiore delle ipotesi, andrebbero a minare la sicurezza dell’intero sistema.

Proseguendo,un utile funzionalità è il filtraggio del traffico Web, attraverso cui è possibile bloccare tutti gli script non che la visualizzazione delle finestre; è però implementata nella sola versione completa. Un’apposita opzione consente poi di bloccare l’intero traffico di rete. È un’operazione estrema che però può  essere utile se occorre chiudere ogni barriera dall’esterno e imporre la necessità di un certo rigore, qualora questo sia necessario: si pensi al caso in cui il pc sia stato attaccato da un virus o se, più semplicemente, debba essere lasciato in mano ai propri bambini e non si vuole che questi abbiano libero accesso al Web. Completa il tutto una esauriente sezione statistica, disponibile solo in parte nella versione di prova, che può offrire ogni genere di reporter in segnalazione al numero di intrusioni segnalati in periodi di tempo scelte dell’utente. In sostanza, il software rappresenta una soluzione efficace perché non si limita soltanto a operare per ottenere l’assoluta sicurezza del proprio personal, ma nel contempo vuole sapere di più circa l’identità delle intrusioni.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest