La geolocalizzazione nelle fotografie digitali



geolocalizzazione.jpgIl termine indica l’associazione di una posizione geografica precisa a un generico documento digitale e il salvataggio in formato standard di questa informazione, normalmente all’interno del file stesso che corrisponde a quel documento. Una pagina di Blog  che descrive una vacanza Parigi può essere geolocalizzate  tanto quanto le singole fotografie di quello stesso viaggio. La geolocalizzazione è un campo vastissimo, piuttosto complesso e ancora in pieno sviluppo su Internet.

Per quanto riguarda le fotografie digitali, comunque, a ricavare le coordinate geografiche del punto in cui sono state scattate e aggiungerle ad una fotografia è facilissimo se non si hanno pretese di precisione militare, ovvero ci si accontenta di approssimazione di qualche decina di metri. Sotto linux, a livello di linea di comando si può usare exiftool anche per questo scopo.

Lo standard tratta latitudine, longitudine e quota come qualsiasi altro campo, quindi per gelocalizzare completamente una fotografia basta aggiungervi  i campi con la tecnica spiegati in questo articolo, cioè i tre appena citati più i rispettivi riferimenti. Il nome e il formato preciso di tutti i campi da inserire sono descritti nella sezione CTS della documentazione di exiftool,all’indirizzo www.sno.phy.queensu.ca/. Geolocalizzare una fotografia da un’interfaccia finestra è  ancora più semplice. Il programma digiKam citato nel resto dell’articolo ha due funzioni dedicate proprio queste operazioni. La prima è utile solo a chi usa, quando scatta foto digitali, anche un navigatore GPS capace di salvare sul file in formato gpx le coordinate dei luoghi visitati: selezionando dal menù principale immagine /geolocalizzazione/correlazione si apre una finestra da cui si può caricare un file. Fatto questo ci penserà  il programma ad associare ad ogni foto dell’album  la posizione registrata dal navigatore nel momento più vicino a quelli in cui quella particolare foto è stata scattata

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest