La multifunzione inkjet professionale



01425i20719300.jpgDi gamma nella linea di unità multifunzione a getto d’inchiostro di Lexmark per l’ufficio,la X9575 è una periferica  quattro in uno con velocità di stampa dichiarata di 33 pagine al minuto in bianco e nero e 28 pagine al minuto a colori, dotata di serie di connettività Ethernet e wireless per la condivisione in rete cablate e senza fili.

L’orientamento prevalentemente business del prodotto è confermato sia dall’adozione di cartucce d’inchiostro a pigmenti Evercolor 2 ad alta capacità per garantire una buona autonomia in stampa sia dall’integrazione di componenti che sorgono con l’efficienza alle tipiche esigenze produttive dell’ufficio, come l’alimentatore automatico di documenti da 50 pagine e il modulo duplex. Le funzioni di scansioni coppie modalità stand-alone si comandano dal pannello di controllo frontale, affiancato da un display a colori da 2,4 pollici; in basso a destra, invece, si trovano gli slot per smart-card e la porta usb per la connessione diretta di memoria di massa esterna e fotocamere digitali. Una configurazione completa e  versatile, come si può notare, che però ci lascia perplessi per due aspetti: il primo la capacità un po’ limitata del cassetto di alimentazione della carta, il secondo è l’impiego di un set di due sole cartucce d’inchiostro,una per il nero e una a colori, invece di quattro serbatoi separati, soluzione adottata nei prodotti da ufficio da tutti i principali concorrenti.Mettere in funzione questo dispositivo è semplice; l’unica variabile è l’eventuale installazione della cartuccia Photo Ink, in alternativa a quella del nero, per ottimizzare la riproduzione di fotografia aggiungendo gli inchiostri ciano e magenta a bassa densità si conclude con la procedura automatica di allineamento delle testine di stampa, incorporate nei serbatoi. Per quanto riguarda il software a corredo, il principale è Productivity Studio, che occupa in una interfaccia intuitiva moduli di copia, scansione, stampa, trasmissione di fax e documenti allegati. La sezione di scansione prevede più di una serie di profili predefiniti per l’acquisizione l’archiviazione dei file, la copia diretta, l’invio di fax e di allegati di posta elettronica. Il driver dello scanner ha un’interfaccia essenziale, all’inizio prevede quattro tipologie di originali digitalizzabili a risoluzioni comprese tra 75 e 300 dpi. L’accesso all’impostazioni avanzate le espande l’intervallo tra 72 e 19.200 dpi intrappolati e consente la regolazione di contrasto, luminosità e gamma. La gestione elettronica dei documenti è affidata a pagemanager, mentre  per il riconoscimento ottico dei caratteri la casa produttrice ha puntato su finereader 6,  che combina facilità d’uso e precisione dei risultati anche con impaginati di una certa complessità. Nel set di stampa, il programma include un modulo dedicato al ritocco delle immagini, eseguibile in totale automatismo oppure manualmente, intervenendo sui parametri di luminosità, contrasto, nitidezza, tonalità e saturazione dei colori.

Nelle prove di laboratorio questa unità ha chiesto 21 min e 6 s per completare la batteria di documenti campione, dimostrando un livello di prestazione accettabile in ambienti di lavoro di piccole dimensioni come quelli a cui il prodotto si indirizza. A titolo di confronto, la stampante inkjet da ufficio HP officejet pro K5400dtn , più economica ma priva di fax, scanner, ha eseguito la stessa prova in  10 min e 1 s .Sul qualitativo, i documenti di testo hanno mostrato caratteri affetti da leggere sbavature e che ne hanno ridotto la precisione. La stampa grafica ha evidenziato la buona  densità e omogeneità del nero, rivelando inoltre una scala dei grigi non  inquinata dal tricolore e corretta per la maggior parte della sua estensione, escludendo la sequenza finale verso il nero, meno graduale del dovuto. Il test è stato superato senza problemi: diagrammi grafici hanno mostrato colori omogenei e una buona precisione ai bordi. Non abbiamo notato differenze apprezzabili in termini di resa cromatica fra le carte Lexmark Glossy Premium e Perfectfinish; la seconda, però, è ottimizzata per gli inchiostri Evercolor 2 e asciuga più rapidamente, mentre con la prima sono necessarie alcune decine di minuti prima di poter maneggiare le stampe con tranquillità. In conclusione, la buona configurazione hardware e le funzioni sopportate rappresentano le doti migliori di questa stampante; inoltre c’è qualche dubbio sulla scelta di utilizzare un kit di sole due cartucce d’inchiostro per un prodotto destinato all’ufficio. Ottima la garanzia di cinque anni.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest