La regolamentazione degli skill games legali in Italia



Il portale www.keprezzi.it, vi offre i siti di  skill games legali in Italia, dal poker agli altri giochi online.

Gli Skill games sono giochi online tra persone, con in palio denaro. Sono legali in italia, ma vediamo le regole:

Le Modalità di gioco: ne sono ammesse due: solitario e  torneo.

Le tasse, come vengono calcolate: l’imposta è unica, stabilita nel 3% della raccolta, da pagare da parte del concessionario. Facciamo un esempio: un torneo di skill games (poker) con pagamento per ingresso da 10 euro. Alla partita di poker partecipano 100 giocatori, quindi la raccolta totale è di 1.000 euro. I Monopoli riceveranno a titolo di imposta dal concessionario 30 euro . Al concessionario rimangono 970 euro di cui almeno 800 devono essere destinati al montepremi, cioè distribuiti ai vincitori.

Il rispetto di questi requisiti fondamentali, tuttavia, non è sufficiente. Infatti, gli skill games devono essere qualificati di abilità. A tal fine, il concessionario deve inoltrare un’istanza all’AAMS, in cui spiega lo svolgimento degli skill games. L’AAMS, sulla base del progetto, corredato di una promozione del gioco, in modo da poter vagliare anche la sicurezza del software degli skill games, decide se autorizzare tale gioco.

Dunque, i giochi legalizzati non sono un elenco chiuso già definito e predisposto, bensì sono un elenco aperto. Sono legalizzati quei skill games con le seguenti caratteristiche: 1. l’abilità svolge un ruolo predominante rispetto alla fortuna; 2. autorizzati dall’AAMS quali skill games; 3. con buy-in massimo di 100 euro; 4. svolti nella formula del torneo o del solitario, ad esempio di poker; 5. almeno l’80% della raccolta è destinata al montepremi del gioco.

Oltre al rispetto di tutte le specifiche sopra esaminate, i concessionari devono anche predisporre una rete per il collegamento ad AAMS. Infatti, le piattaforme di skill games (che nel nostro caso sarebbero le sale da Poker ) devono essere collegate al sistema informatico dei Monopoli, così l’AAMS può effettuare un continuo monitoraggio sulla mole di gioco sviluppata dalla piattaforma skill games e prelevare l’imposta. Infatti, lo Stato incassa l’imposta unica dal concessionario sulla raccolta. Tornando all’esempio del torneo di Texas Hold’Em (poker) esposto poco sopra, AAMS preleva l’imposta sulla raccolta, cioè sul numero di iscritti ad un torneo di poker, mentre non assume rilevanza chi vince. Puoi trovare tutte le offerte di skill games, poker su keprezzi.it. In Italia tutti possono giocare a poker o agli altri skill games da casa nella completa sicurezza, senza commettere un’illegalità, sapendo che i software degli skill games sono certificati da un Ente Pubblico, e con la possibilità di giocare in modo legale ed esigere le vincite. Infatti, il 2 settembre 2008 è stata lanciata la prima Poker Room legale in Italia, e altre offerte si sono aggiunte nel giro di poco tempo.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest