La rete e i sondaggi: elezioni comunali di Milano 2011



Milano si appresta a decidere il proprio sindaco per il quinquennio 2011-2016 (elezioni il 15 e il 16 Maggio, con eventuale ballottaggio il 29 e il 30 Maggio) e sulla rete impazzano i doverosi sondaggi.

Per quanto sia ormai riconosciuto da “strani e imprevedibili” eventi, come quello delle elezioni politiche 2006, che tra l’intenzione di voto e il voto stesso passa una notevole differenza, i sondaggi attirano sempre molta curiositá e nessuna forza politica, in fondo, li lascia mai del tutto inascoltati.

Sfogliando la rete, Termometro Politico mette a confronto piú operatori. Interessante che tutti i sondaggisti proposti prevedono un ballottaggio probabile. Forse decisive contro una vittoria al primo turno sarebbero la rottura con Fini e le polemiche interne.

Le agenize analizzate credono in un attuale pareggio tra i due principali candidati Moratti (centrodestra), in calo, e Pisapia (centrosinistra), in ascesa. Secondo EMG, IPR e IPSOS é Pisapia in vantaggio di una percentuale minore ai 2 punti, mentre secondo Piepoli sarebbe la Moratti ad essere in testa di un 2%. Per gli altri candidati si ha Palmieri (Fli e Udc) che raccoglierebbe attorno all’ 11-12%, mentre Calise del Movimento 5 Stelle si fermerebbe verso il 2-3%.

Della stessa idea risulta il Sole24Ore, che il 22 Aprile ha pubblicato un sondaggio in cui il valore medio della Moratti risultava al 43%, mentre quello di Pisapia al 42%. Da notare, qui, il dato fornito sugli indecisi: un 14% che potrebbe risultare decisivo per l’uno o per l’altro candidato, evitando addirittura il ballottaggio.

Clandestino web, invece, con un sondaggio del 28 Aprile, vede un leggero prevalere del candidato di centrodestra, con un valore medio del 48% contro il 42% del principale avversario, ma ancora sotto la soglia del 50%.

Anche per il web, quindi, la partita delle elezioni comunali di Milano sembra ancora tutta da giocare.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest