La risposta di Playstation a Wiimote



Sony ha presentato all’ultima GDC (tenutasi a San Francisco dal 9 all’11 marzo scorsi) la sua risposta definitiva al Wiimote di Nintendo (ed al futuro Project Natal di Microsoft): si chiamerà Playstation Move, funzionerà in accoppiata con la telecamera Playstation Eye e potrà essere acquistato a partire da ottobre in un bundle con la suddetta camera ed un gioco ad una cifra inferiore ai 100 dollari.

Al di là delle (solite) dichiarazioni entusiaste di Sony secondo la quale “La combinazione tra il controller e la PlayStation Eye  permette di individuare precisamente i movimenti, gli angoli e la posizione nello spazio 3D intorno al Move controller, permettendo ai giocatori di muoversi come se fossero effettivamente dentro al gioco”, il nuovo controller è sembrato effettivamente più preciso del corrispettivo Nintendo, ed utilizza un approccio più “classico” rispetto a Project Natal, fattore che potrebbe costituire un grosso vantaggio alla lunga su quest’ultimo, anche se tutto dipende da come Microsoft supporterà il suo progetto.
20100312playstationmove-420x0
Svariati i giochi che supporteranno Move, tra i quali spiccano nomi del calibro di Little Big Planet, SOCOM 4 ed il futuro God of War III, oltre alle classiche raccolte di minigiochi stile Wii.

Altre caratteristiche salienti del Move sono la presenza di una “palla”, grande come una pallina da ping-pong, che cambia colore per adattarsi alle luci dell’ambiente di gioco e rendere l’esperienza più godibile, e di feature diverse rispetto al Wii: ad esempio durante la presentazione di The Shoot è stato mostrato come fosse possibile compiere azioni come giravolte in slow motion direttamente da controller. Inoltre, sarà possibile utilizzare l’accoppiata di due controller Move in stile “Wiimote+Nunchuck”, ed a questo fine si prevede la commercializzazione, oltre che del pacco Move+Eye+gioco, di un bundle PS3 con integrato il nuovo controller.

Da notare come Sony abbia posto accento sul fatto che la sua nuova creatura non vedrà applicazioni soltanto sul lato del casual gaming, ma (per la gioia degli hardcore gamer) in moltissimi altri campi (ed in questo senso entusiasma l’annuncio della compatibilità con God of War III, anche se resta da vedere come verrà implementata tale feature).

Insomma, sembra che la seconda parte della “console war” di questa generazione stia per animarsi… e se tutto va bene, ne vedremo delle belle.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest