La tanto attesa USB 3.0



20091023180px-usb-svg_svg

L’evoluzione del protocollo USB 2.0 permetterà di trasferire dati con una velocità di 480 MBytes/s, pari a circa dieci volte quella ottenibile con la versione precedente. La USB 3.0 troverà larga applicazione negli hard-disk esterni, nelle video camere digitali e, in generale, in tutti i dispositivi che richiedono il trasferimento di una grossa quantità di dati. Le previsioni sono che questo nuovo protocollo soppianti le interfacce eSATA e Firewire 1394 e diventi lo standard universale per l’interfacciamento ad alta velocità di dispositivi esterni.


Sebbene le specifiche di questo protocollo siano disponibili già dallo scorso anno, pare che bisognerà attendere ancora un po’ di tempo prima di vedere una porta di questo tipo nei nostri PC. Infatti, è proprio di questi giorni la notizia che Intel ha deciso di rimandare la tanto attesa realease del chipset con supporto USB 3.0. Quest’ultima è una tappa dalla quale non è possibile prescindere perché questo protocollo possa definitivamente decollare. Sebbene siano già disponibili controller USB 3.0 discreti, ovvero realizzati su chip indipendenti, la mancanza di chipset adeguati non rende conveniente per i produttori di motherboard l’implementazione e la commercializzazione di sistemi con supporto USB 3.0. Probabilmente sarà necessario aspettare ancora sino al 2011 e prima di allora potrebbe essere possibile vedere l’USB 3.0 solo in workstation di fascia alta (high end).

Oltre alla maggiore velocità, le porte USB 3.0 permetteranno di fornire sul bus una corrente maggiore, e quindi di alimentare dispositivi che richiedono una potenza maggiore. Inoltre, USB 3.0 implementa un nuovo meccanismo di gestione della potenza che consente di ridurre il consumo in condizioni di stand-by.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest