Lo stalking diventa 2.0 (e sbarca su Facebook)



A darci questa buona notizia è una sentenza della Corte di Cassazione che ha condannato un uomo della provincia di Potenza per molestie “virtuali”.

Il ragazzo, reo di aver molestato a lungo tramite Facebook la sua ex compagna, un giorno ha deciso di pubblicare in rete (sempre sul famoso sito blu) un filmato “piccante” che ritrae lui e la sua ex compagna mentre si “danno da fare”. Questa sembra essere stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, poichè è scattata immediatamente la denuncia.

Dopo un breve processo, la corte ha deciso di considerare la serie di azioni opprimenti delle vere e proprie molestie, applicabili al caso della legge 612 bis che appunto regolamenta la questione dello Stalking dal punto di vista penale.

Naturalmente, quella del video hard in rete è stata solo l’ultima goccia: telefonate a casa, in ufficio, sms tartassanti, visite a sopresa non gradite, hanno fatto di questo ragazzo potentino una vera piaga per la donna, al punto che il giudice ha deciso di “rinchiuderlo” ai domiciliari.

Ancora una triste storia per il famoso Social Network… ma almeno questa volta, si può dire, con un lieto fine.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest