LulzSec viola il sito di Panda Security



La comunità hacker LulzSec – nota alle cronache degli anni scorsi per aver violato le reti della Sony Pictures e per aver messo offline le pagine della CIA – ha colpito nuovamente nella giornata di ieri, violando questa volta i server della software house Panda Security.

In quella che ai più è sembrata una vera e propria vendetta per l’arresto di diversi membri del gruppo in Europa e negli Stati Uniti, gli anonimi hacker hanno sostituito le pagine del sito ufficiale del noto antivirus Panda Internet Security. Al loro posto, un esteso j’accuse contro la società, rea di collaborare con l’FBI per l’identificazione degli “attivisti anonimi” della rete, infiltrandosi nei loro forum e chat room.

Nella mattinata di oggi, la Panda Security ha rilasciato un comunicato ufficiale attraverso il suo profilo Facebook, nel quale ha sottolineato come l’incursione non abbia riguardato rete interna dell’azienda, e che dunque “alcun codice sorgente, né aggiornamento o dato sensibile è mai stato accessibile“.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest