Mai sentito parlare di “Easter egg”? Vediamo cosa sono…



Nell’inglese comune gli “Easter egg” sono semplicemente…le uova di Pasqua: ovvero il regalo a sorpresa per antonomasia. Nel linguaggio dell’informatica, gli Easter egg sono si delle sorprese, ma di tutt’altro tipo: sono delle finestre nascoste, dei giochetti, dei divertisement che gli sviluppatori infilano nei propri software a mò di firma, spesso all’insaputa della stessa software house. Gli esempi più classici sono finestre di ringraziamento al team di sviluppo, fotografie scherzose, comandi nascosti ispirati a saghe di fantascienza o a libri cult, il tutto assolutamente non documentato e da attivare con precise sequenze di comandi. Insomma goliadia informatica allo stato puro! Anche gli Easter egg sembrano un pò passati di moda (negli anni 90 non c’era un’applicazione che non avesse la sua finestrella nascosta!), sui nostri hard disk sono ancora numerosi i programmi “con sorpresa”; eccone alcune esempi, pescati tra i programmi oggi più diffusi.

Un simulatore di volo in Google Earth

L’idea di inserire un simulatore di volo nei programmi non è nuova: il primo programma a prevedere questo strabiliante Easter egg era stato, in tempi ormai lontani, Excel 97. Pochi anni fa Google Earth. A dire il vero si tratta di una “chicca a metà”: dopo un primo periodo in cui questa funzione non era documentata, la veduta a “volo radente” è poi divenuta parte integrante di Google Earth, e si è semplicemente andata ad aggiungere alle altre visualizzazioni disponibili per le cartine del nostro pianeta.

Giochi in OpenOffice  Calc

20090915open_office_game_4Anche OpenOffice Calc prevede qualche giochetto nascosto. Niente di tecnicamente spettacolare, ma comunque qualche idea carina per trascorrere qualche minuto di relax tra un foglio di calcolo e l’altro. Per attivare un gioco spostatevi sulla prima cella in alto a sinistra e digitate la formula (senza virgolette) “=game()”. Calc modificherà la formula in “say what?”. Ora spostatevi alla cella sotto e digitate(sempre senza le virgolette esterne) “=game(“StarWars”)”. Alla pressione del tasto Invio si aprirà una finestra in cui potrete giocare ad un clone di Space Invaders. Se provate a riscrivere la formula, la risposta sarà ” oh no,not again!”…a quel punto occorrerà chiudere OpenOffice e riaprirlo. Che matti!

Un Easter Egg vecchio stile: i “credits” di OpenOffice

Aprite una qualunque applicazione di OpenOffice. Nel menu di Help aprite la finestra delle informazioni su OpenOffice. Al suo interno tenete schiacciato il tasto CTRL, e premete nell’ordine S,D,T. Comparirà un elenco degli sviluppatori di OpenOffice, nascosto dietro questa combinazione di tasti, così come usava fare fino a qualche anno fa.

Le schermate “About:” in Firefox

Oltre alle pagine “about:” ufficiali, Firefox include come easter egg alcune finestre non documentate…e non propriamente ortodosse per un browser. Per esempio, provate a digitare “about:mozilla” nella barra degli indirizzi, e vi si aprirà davanti agli occhi una sorta di citazione epica (il libro di Mozilla); digitando invece “about:robots” vi troverete di fronte a una paginetta, simile nella grafica all’errore di “pagina non trovata”, dedicata agli amici robot. Dopo il “benvenuti umani, veniamo in pace” potrete leggere qualche citazione a tema, tratte dalle leggi della robotica di Asimov, dal film “Blade Runner” e dalla serie tv “Battlestar Galactica”: tutti cult assoluti, per gli appassionati del lato cibernetico della fantascienza.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Salvatore

    Interessante articolo, complimenti.

Pinterest