Mantenere il computer veloce con Ashampoo Core Tuner



Il computer può manifestare sintomi di lentezza quando vi è un elevato utilizzo di CPU da parte dei programmi. Tuttavia la lentezza si può riscontrare anche in computer dove vi sono svariati programmi aperti, anche se questi non fanno impiego di CPU in modo eccessivo: infatti questa viene ripartita tra i vari programmi aperti, ragion della quale più sono i programmi aperti, meno memoria sarà disponibile per questi, che avranno quindi tempi di risposta più lunghi.

Su Windows esiste un sistema di “priorità” che consente di regolare il controllo della suddivisione di CPU tra i vari processi: tramite il Task Manager è infatti possibile assegnare diverse priorità ai processi: più la priorità è elevata, più il processo sarà privilegiato nella ripartizione di CPU. Tramite il sistema di priorità è possibile risolvere problemi derivati dalla lentezza di programmi molto usati: se si devono mantenere in esecuzione più programmi, ma solo alcuni di essi devono essere utilizzati con una certa urgenza, assegnare priorità a questi permette di aumentare le prestazioni nell’uso di essi. Il sistema di priorità è tuttavia temporaneo: al riavvio del computer infatti tutte le priorità vengono ripristinate e, in generale, la priorità assegnata ad un processo è valida provvisoriamente. Allo stesso modo, anche la quantità di CPU assegnate ad un processo è regolabile solo temporaneamente.

Per risolvere questi problemi esiste un programma: Ashampoo Core Tuner. In sostanza, Ashampoo Core Tuner offre un’interfaccia di gestione dei processi simile a quella offerta dal Task Manager di Windows, ma in aggiunta si può avviare automaticamente all’accensione del computer, per assegnare ogni volta le priorità e le preferenze indicate ai processi selezionati: così facendo il programma permette di utilizzare il sistema di priorità dei processi in maniera definitiva (lo stesso vale anche per il sistema di assegnazione numero di CPU ad un processo).

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest