Michelle Obama, in Cina, difende l’importanza dell’accesso libero alla rete



La Cina, come saprete, è piuttosto problematica quando si parla di connessione internet. Moltissime fonti sono censurate (dal cosiddetto Great Firewall), e gli utenti non hanno modo di accedere a portali molto popolari come Google o Facebook. Sabato scorso, però, in occasione di un discorso tenuto in Cina, la first lady Michelle Obama ha difeso l’importanza della libertà di parola e dell’accesso libero a internet. La first lady ha parlato in occasione di una visita all’Università di Pechino, sottolineando il valore e l’importanza della libertà di espressione online.

“È molto importante che le informazioni e le idee siano libere di scorrere attraverso internet e tramite i media”, ha affermato. “Perché è così che scopriamo la verità, è così che impariamo cosa sta davvero accadendo nelle nostre comunità, nel nostro paese e nel nostro mondo”.

Michelle Obama ha parlato di fronte a circa 200 studenti, tra americani e cinesi, in un discorso che si è focalizzato per la maggior parte sull’importanza di studiare all’estero. L’aver sottolineato l’importanza e il valore della libertà di espressione su internet, ad ogni modo, ha lanciato un chiaro messaggio al governo cinese.

“I paesi sono più forti e più prosperosi, quando è possibile ascoltare le voci e le opinioni di tutti i cittadini. Crediamo che esprimere sé stessi liberamente e avere accesso libero all’informazione siano diritti universali di ogni persona su questo pianeta”.

È chiaro che la first lady, dalla sua posizione, abbia voluto mandare un importante messaggio al governo cinese.
Chissà quando cambierà qualcosa.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest