Microsoft e Yahoo: accordo per il Search Engine e i motori di ricerca



I nomi di Yahoo e Microsoft sono stati abbinati tante volte grazie ad indiscrezioni, vecchie anche di anni, che volevano un loro accordo sui motori di ricerca atto a cercare di proporre una piattaforma che fosse concorrente al motore di ricerca di Google.

E’ stato ufficializzato l’accordo fra Yahoo e Microsoft che prevede che il motore di ricerca di Microsoft, Bing, sia utilizzato come motore di ricerca di Yahoo. I più attenti si ricorderanno che qualcosa di molto simile accadde già qualche tempo fa quando il motore di ricerca di Google veniva utilizzato sotto mentite spoglie (powered by Google) come motore di ricerca di Yahoo.

Cosa significa per Microsoft

Microsoft si trova per la prima volta ad essere competitivo nel campo della search; può iniziare ad essere la spina nel fianco di Google e cercare di rosicchiare fette di mercato. Il volume di ricerche che il motore Bing e il motore “Bing formato Yahoo” metteranno insieme potrà iniziare ad essere interessante.

Cosa significa per Yahoo

Yahoo non è stata venduta a Microsoft. Questa che potrebbe sembrare una magra consolazione, potrebbe in realtà uno dei pochi vantaggi che Yahoo, che da tempo naviga in cattive acque, può dire di avere da questo accordo.

Cosa significa per Google

Google vede all’orizzonte, dopo anni di strapotere, un valido concorrente. Dovrà quindi cercare di allungare il passo per cercare di non farsi raggiungere dal nuovo piccolo mostro di ricerca.

Cosa significa per noi?

Dimenticatevi il motore di Yahoo per come lo avete conosciuto fino ad oggi. Accedendo alle pagine di Yahoo si accederà al motore di ricerca di Microsoft.

Nel breve periodo questo significherà una minore scelta di motori di ricerca da utilizzare; nel lungo periodo potrebbe singificare che i due concorrenti cercheranno di offrire un servizio sempre migliore a vantaggio di noi utenti.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • e75da82

    una grande xdita per il web…il secondo motore di ricerca ci lascia…

Pinterest