MiE e EiG: due appuntamenti top del gaming



In questo 2010 così prolifico per l’industria del gaming sono due gli appuntamenti da non perdere: il Monaco IGaming Exchanges (MiE), che si terrà dall’11 al 13 di Ottobre nella splendida cornice offerta dal Principato di Monaco e l’European IGaming Congress and Expo (EiG), tenuto dal 19 al 21 Ottobre a Copenhagen.

Il gaming in Europa sembra dilagare senza freno negli ultimi anni, infatti secondo gli studi condotti dalla società “Game Vision” (studi nominati “VIdeogames in Europe 2010”), il 25.4% degli adulti europei sono adulti giocanti. E’ importante notare un altro dato però: il 71% dei giocanti gioca online, il 22% a pagamento. Ed è proprio il settore del gambling quello in fortissima crescita: tra i primi 4 mesi del 2009 e i primi 4 del 2010 l’industria del gioco online è cresciuta del 51%, passando da un fatturato di 1160 mld di dollari a 1780 mld di dollari. La crescita del gaming in generale prevista entro il 2014 è del 10.6 %. Basti pensare che in Italia nel 2010 sono stati incassati 5 mld di euro con il gioco online legalizzato, recuperando grosse perdite degli anni precedenti subiti a causa del gioco illegale.

In questo contesto i due eventi sopracitati sono interessanti per verificare le tendenze di questo mercato in espansione e soprattutto sono indicativi per osservare da vicino quali siano le prospettive dell’IGaming. “L’Europa ha aperto le porte al gioco online e lo stesso dovrebbe fare l’America.”, questo è ciò che ha scritto di recente il New York Times in seguito agli ultimi studi. Sicuramente i due congressi di questo Ottobre saranno un punto d’incontro importante fra vecchio e nuovo continente, infatti saranno molte le personalità di spicco statunitensi ed europee a prendervi parte.

Inoltre molte compagnie hanno assicurato la loro partecipazione alle convention come sponsor, esibitori, moderatori o media partners, società del calibro di Tom Horn Enterprise, Telehouse, Telecity, Arjel, Betfair, Microgaming. Si rumoreggia anche della presenza di innovative soluzioni per il settore, le cui particolarità sono ancora sconosciute, come ad esempio il progetto “Giving to Receive”, qualcosa di innovativo per il web, un progetto che fa del “guadagnare”, “rivoluzionare”, “proporsi al prossimo” le sue fondamenta.

L’IGaming è il futuro e questo è lampante; in un periodo di crisi dove molti investitori sono spaesati e restii a cercare di inserirsi nel mercato, questo ramo giovane del settore del gaming sembra essere una miniera d’oro per chi si dimostrerà pronto a tuffarcisi nel modo giusto. Non si tratta più semplicemente di giocare, dietro il gioco c’è molto di più.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!

Galleria Fotografica

Gaming e Gambling
Pinterest