Nasce la clinica per i malati di videogiochi



070621_videogame_hmed_11a_h2.jpgAlcol e droga sono da sempre le dipendenze più temute perché in grado di distruggere la vita di una persona. In particolare si fa di tutto per tenere lontani i giovani da questi vizi perché siano ben consapevoli dei pericoli che nascondono. Pare però che un’altra di queste malattie si stia diffondendo in Europa: la dipendenza dai videogiochi.

Diffuso nei paesi orientali, questo fenomeno colpisce le persone che affrontano i propri problemi rifugiandosi tra le schermate del loro videogioco preferito che diventa una realtà parallela alla quale sono convinte di appartenere. Questa forma di dipendenza porta a trascurare la propria vita sociale e la propria persona pur di passare ore e ore con il mouse e tastiera tra le mani.

 

Il livello di diffusione è tale che ad Amsterdam hanno pensato di aprire una clinica per curare le persone colpite da questa malattia, che poi per essere sconfitta ha bisogno di un programma di recupero mirato. Lo psicoterapeuta della clinica,Kerry DeVries, spiega che il meccanismo che scatta in questi individui è lo stesso di chi usa sostanze chimiche naturali per fuggire dalla realtà. La differenza sta solo nel metodo usato dalle persone colpite da questa patologia per estraniarsi dal mondo che le circonda: basta solamente accendere il computer e avviare il gioco.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest