Navighiamo anonimi con Tor



Tor e’ un sistema che ci permette una navigazione pressoché anonima, infatti permette la navigazione senza rivelare il nostro indirizzo ip.

In pratica funziona cosi: il traffico da un PC sul quale é installato Tor viene incanalato attraverso un numero imprecisato di altri computer che usano TOR per poi arrivare a destinazione “uscendo” da un altro PC  con Tor sempre installato  posto magari dall’altra parte del mondo.

Una cosa importante, anzi fondamentale é che tutto il traffico che passa per la rete Tor viene criptato, e questo rende ancor più sicuro questo tipo di navigazione.

Perché navigare anonimamente? Semplice, é uno dei pochi metodi per difendere la nostra privacy, per far si che le nostre informazioni non vengano carpite da malintenzionati, tengo a precisare che questo modo di navigare, nulla ha a che fare con violazioni di copyright legate al P2P.

Certo, navigare in anonimato non serve a nulla se poi si danno a destra e a manca i propri dati sensibili, ma é già un buon inizio per cercare di difenderci.

Come saprete, tutto quello che passa dalla rete non compie un percorso lineare, non va direttamente da A a B, ma passa per diversi nodi prima di arrivare a destinazione, avete presente una ragnatela?

Rimane quindi sempre una traccia del nostro passaggio, ogni server che attraversiamo trattiene sempre nostre informazioni.

La verità é che: “Siamo tutti spiati”, la grande rete é per sua natura insicura, quindi tocca a noi utenti cercare di difenderci al meglio.

Forse non tutti sanno dell’ esistenza di un piano di monitoraggio di tutte le comunicazioni che avvengono nei social network, esso prende il nome di “Total Information Awareness” ad opera della NSA (National Security Agency) americana, atto a carpire quante più informazioni possibili sugli utenti di tali comunity, e progetti simili hanno poi creato via via anche le altre nazioni “avanzate”, per non parlare dei regimi autoritari.

Per evitare questo, Tor fa in modo che nessuno dei nodi attraversati contenga tutte le informazioni del nostri pacchetto, ed inoltre si preoccupa di rendere il percorso dei pacchetti il più articolato possibile.

Proteggere i nostri dati e le nostre informazioni è diventato un dovere, e non é semplice paranoia, perchè in giro nella grande rete gli squali sono già all’ opera per carpire ed usare quante più informazioni possibile, il tentativo di controllo è già in atto.

Solitamente Tor viene utilizzato in accoppiata con  Privoxy, un proxy server nato per filtrare pagine indesiderate e pubblicità, usando quindi questi due strumenti si riesce ad ottenere un ottimo risultato.

Cominciamo quindi con l’ installare i software che ci permetteranno la navigazione anonima, i programmi sono essenzialmente due, anche se poi andremo ad installare anche un’ apposita estensione per Firefox, allora cominciamo, con il gestore di pacchetti proprio della vostra distribuzione andiamo ad installare Tor e Privoxy, il primo é il software che si occuperà di instradare la nostra connessione verso una rete anonima, mentre il secondo é un proxy server, per chi dispone di Windows come sistema operativo consiglio di installare il pacchetto combinato Tor, Privoxy e Vidalia, scaricabile da questo indirizzo.

Una volta installati i due software, l’ unica modifica da apportare sarà quella di aprire il file di configurazione di Privoxy con un comune editor di testi, solitamente in GNU/Linux, tale file si trova in /etc/privoxy/, quindi dopo aver ottenuto i privilegi di super user eseguiamo il seguente comando:

emacs /etc/privoxy/config

e andiamo ad inserire la seguente riga all’ inizio del file (puntino finale compreso):

forward-socks4a / localhost:9050 .

Naturalmente al posto di Emacs é possibile usare un qualsiasi editor; una volta fatto ciò basta riavviare Privoxy ed il gioco é fatto.

Andiamo ora ad installare l’ estensione per Firefox, essa si chiama TorButton e potete trovarla qui, una volta installata riavviamo Firefox, é ora presente nell’angolo in basso a destra un pulsante per l’ attivazione e disattivazione della navigazione anonima, se come me preferite avere il totale controllo su ogni modifica apportata al sistema, scordatevi l’ estensione aggiuntiva e andiamo a configurare manualmente Firefox per istruirlo ad utilizzare Privoxy, andiamo nella finestra di configurazione della rete, ed inseriamo i parametri presenti in figura:

Proxy

Finito, buona navigazione anonima.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest