Nvidia Tegra: 5 core di libidine



Sembra che dopo Tegra 2, che ha dominato il mercato dei tablet surclassando le altre possibilità (d’altronde quando Nvidia ci si mette non è seconda a nessuno), è in arrivo il nuovo rampollo di questa fortunata architettura: Tegra 3.

La novità principale è che i core non sono due, non sono quattro ma sono addirittura cinque. E’ infatti stato aggiunto un “companion core” dedicato alle operazioni che richiedono limitata potenza di calcolo. Questa opzione permetterà un risparmio energetico importante, dal punto di vista sia economico che etico.

Il modello di funzionamento sarà più o meno il seguente: il companion core verrà usato al massimo alla frequenza di 500 mhz, per leggere email, navigare sui social network (d’altronde a che serve un processore da 3 giga per queste operazioni?).
Il primo core “potente” entrerà in azione per i video, i siti più complessi (basati magari su script più pesanti) e il gioco 2D.
Per flash, videochat e applicazioni multitask saranno necessari due core, mentre per i giochi da console e il video editing si attiveranno 4 core (se mi è permessa una informazione personale, per il 90% del mio tempo non supererei l’utilizzo di un core solo).

Attualmente sembra che la prima casa interessata a mettere sul mercato un tablet comprendente questa tecnologia sia la cinese ZTE (famosa per i tablet a bassissimo costo) che ormai è un’azienda solida e integrata nel settore,

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest