Ottenere visite al proprio sito web con i circuiti di scambio visite



I circuiti di scambio visite sono strumenti che veicolano traffico verso il proprio sito. Questo traffico proviene da ogni parte del mondo, e può essere anche molto intenso. E’ importante specificare come l’uso indiscriminato e non controllato di strumenti come quello descritto, possa comportare la violazione delle norme sulla qualità di Google, e quindi possa portare alla penalizzazione del proprio sito web. Questi servizi sono estremamente utili, soprattutto per portare subito molte visite ad un nuovo sito, ma questi servizi devono comunque essere utilizzati con cautela e senza esagerare. Soprattutto, è necessario attenersi ai regolamenti che vengono proposti da questi servizi, poiché solo un completo rispetto del regolamento può portare ad un guadagno da parte di tutti, utenti e gestori. Spesso rispettare il regolamento proposto dai gestori di questi servizi è il primo e più importante passo per non apparire agli algoritmi di Google come dei “black hat SEO”. Se ben utilizzati, questi servizi possono risultare dei validi ed utili strumenti di marketing. Si noti inoltre che questi servizi non possono essere utilizzati su siti aderenti al programma “AdSense” di Google: infatti AdSense vieta la generazione di visualizzazioni artificiale per i banner. Infine, alcuni servizi di hosting gratuito come ForumCommunity proibiscono l’utilizzo di questi servizi.

 

In Italia questi servizi non sono molto diffusi, anche se comunque ne esistono alcuni. In ogni caso, il modello di questi siti si trova soprattutto negli Stati Uniti d’America, dove si possono trovare ubicati molti dei principali siti di questo tipo. I servizi in questione sono i circuiti di scambio visite: dei network pubblicitari dove si visitano i siti web degli altri iscritti e, in cambio, si ricevono dei crediti che garantiscono il diritto di ricevere altrettante visite ai propri siti. Un servizio di questo tipo può essere interpretato in due modi, sia dal lato positivo, sia dal lato negativo: dal lato positivo, il servizio crea un ambiente dal quale tutti traggono profitto se si adottano soluzioni etiche ed oneste, permettendo quindi di rendere il network pubblicitario come uno strumento di marketing vantaggioso per tutti. Dal lato negativo, la natura di questo servizio può essere classificata dai motori di ricerca come “fonte di acquisto di traffico”, portando quindi ad una penalizzazione del proprio sito. Ecco perché è importante tutelarsi rispettando sempre i regolamenti e non esagerando mai con le campagne: solo così si dimostra un utilizzo responsabile di questi strumenti di marketing poco noti, ma che aprono vari orizzonti.

Esistono molti circuiti di scambio visite: in Italia si ricorda FotoExpo, all’estero si ricorda EasyHits4U (l’immagine allegata a questo articolo è uno dei banner di EasyHits4U). Esistono poi anche circuiti pubblicitari particolari detti auto-surf, che automatizzano il processo di visualizzazione dei siti. E’ importante utilizzare questi tipi di servizio con estrema cautela, poiché l’auto-surfing non garantisce l’interesse degli utenti nei confronti del proprio sito: infatti gli utenti possono anche non essere davanti al computer, mentre i siti web si caricano automaticamente senza richiesta di alcun intervento manuale.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest