Ottimizzare l’hardware a costo zero – parte 6 –



Più sicuri, più veloci, con un maggior numero di funzioni: gli aggiornamenti del firmware fanno miracoli anche per i dispositivi mobili. L’aspetto più interessante è rappresentato dal fatto che tutti gli aggiornamenti possono venire integrati senza problemi dall’utente stesso, senza alcun intervento da parte del rivenditore. I notebook non sono altro che dei piccoli PC portatili ma, quando si tratta di aggiornare il Bios, si distinguono nettamente dai loro fratelli relegati alla scrivania: i loro aggiornamenti vengono messi a disposizione esclusivamente dal produttore del notebook e non dal produttore del Bios, né tanto meno dal produttore dalla scheda madre. Le schede madri per questi tipi di computer vengono infatti realizzate in modo specifico per ogni serie di notebook e presuppongono la disponibilità di un Bios ad hoc. Anche se il Bios utilizza a prima vista un prodotto phoenix standard, la ragione è possibile soltanto se viene offerta dalla casa produttrice. Non esistono dei rilasci periodici degli aggiornamenti: l’unico consiglio è quello di controllare costantemente il sito Web del produttore.Di solito, gli aggiornamenti del bios per i notebook non offrono nessun supporto per le nuove CPU, come avete già visto anche per i PC desktop. Nel caso dei computer portatili, spesso si può utilizzare soltanto una piccola serie di processori a causa dalle specifiche tecniche; per questo motivo, il cambio della CPU funziona soltanto raramente.

Per contro, gli aggiornamenti permettono di ottenere nuove funzionalità come supporto per i nuovi moduli wlan e MINI PC più veloci, dischi rigidi più capienti, oppure l’opzione di avvio da una chiavetta Usb. Si tratta inoltre di una funzione che i  produttori introducono volentieri all’aggiornamento del Bios.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest