P2P illegale in Spagna



contenuto.jpgUna nuova normativa sul diritto d’autore è stata recentemente approvata dal Parlamento spagnolo.

Questa norma in pratica dichiara illegale l’uso della condivisione vietando anche lo scaricamento di file a uso personale dalle piattaforme di condivisione di file.

Inoltre, se un provider dovesse permettere l’uso della condivisione sui propri server, potrebbe essere processato penalmente.

Ma la legge introduce anche una nuova tassa, che in Italia conosciamo già molto bene: l’equo compenso,una quarta aggiunta al costo di tutti supporti vergine come CD, DVD e chiavette che serve a compensare il diritto d’autore non riscosso nel caso in cui i supporti vengano usati per fare una copia di sicurezza degli originali e regolarmente acquistati.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • marco

    io vivo in spagna, problemi con la mula al momento non ne abbiamo, peró si li abbimo con la societá di autori, per il menzionato canone, é una societá privata, la SGAE, che rappresenta pochi artisti pop, maggioritariamente vecchie glorie di categoria 3b, che non possono vivere dei proventi dei loro concerti, e di cui ci sono pochi link perché fanno schifo.
    provate a scrivere “ramoncin” nella vostra mula…
    che schifo, tutti paghiamo per le nostre copie private a beneficio di pochi.

Pinterest