Perchè non comprare la playstation 4



Avete ricevuto qualche paghetta natalizia e pensate di sfruttarla per l’acquisto della nuovissima Playstation 4?
Non vedete l’ora di mettere le mani sul nuovo gioiellino della casa nipponica? Forse dovreste prima fare delle importanti considerazioni.
La PS4, uscita ufficialmente in Europa il 29 Novembre, è andata inizialmente a ruba. Nelle grandi catene di distribuzione facevano bella mostra di sè giganti cartelloni pubblicitari, montagne di scatole (vuote) e ovviamente l’angolino dove poter testare la nuova console con le proprie mani.
Gli otto core messi a disposizione e i nuovi joypad con il touch control fanno ingolosire facilmente tanti giocatori, ma siamo sicuri che valga la pena l’acquisto della next-gen console in questo momento?
Purtroppo, la PS4 potrebbe essere una grande delusione proprio per i giocatori.

POCHI GIOCHI DISPONIBILI

Tutt’ora infatti, i giochi disponibili per PS4 sono circa una ventina (tra cui spiccano perle come Assassin’s Creed IV: Black Flag, Call of Duty: Ghosts e FIFA 14) che a dire la verità sono un po’ pochi visto che l’uscita era ormai prevista da molto tempo e gli sviluppatori avrebbero potuto prepararsi in anticipo, sempre se ovviamente Sony abbia potuto distribuire a loro caratteristiche tecniche e librerie in tempi ragionevoli.
Qualcuno potrebbe obiettare che il problema non sussiste, i possessori di PS3 posseggono comunque la loro personalissima raccolta di giochi, ed è proprio quì che sta la nota dolente.

playstation_4

Supponendo sia naturale che i giochi della PS1 e della PS2 non possano girare sull’ultima console, purtroppo per voi (e per le vostre tasche) anche i giochi della PS3 non funzionano sulla PS4.
La mancanza di retrocompatibilità con i giochi della PS3 è una pecca non da poco, se si pensa che alcuni titoli escono tutt’ora solo per PS3.
Sony dal canto suo, ha già spianato la strada a Playstation Now, una sorta di cloud in cui potremo far girare i vecchi giochi.
Tuttavia non si sa se potremo “riscattare” i giochi già in nostro possesso o se dovremo riacquistarli. Non si sa nemmeno quanto sarà il carico in termini di Mbs per un’utilizzo decente di un gioco, viste le non impeccabili linee ADSL del nostro paese. Inoltre questa funzione sarà disponibile in Europa solo a partire dal 2015, salvo inconvenienti.
Quindi scordatevi almeno per un po’ partite a FIFA 13 o divertenti serate con il vostro Wonderbook, magari fresco acquisto Natalizio.

MULTIMEDIALITA’

Non è finita qui, perchè anche per quanto riguarda la multimedialità la Sony ha giocato male le sue carte.
Per chi utilizza la PS3 come centro multimediale, deve tener ben presente che sulla PS4 è invece impossibile riprodurre musica e film contenuti in Hard Disk o chiavette USB.
playstation_4_multimedialita
Sembra infatti che la Sony stia puntando tutto sul proprio store, inibendo cosi’ la riproduzione di raccolte personali degli utenti, scelta alquanto discutibile.

SURRISCALDAMENTO

Vengono infine segnalate numerose anomalie per quanto riguarda il surriscaldamento della console, ma come tutte le creature altamente tecnologiche appena uscite, qualche problema viene sempre riscontrato.
Forse tutto verrà risolto, forse la voce degli utenti che stanno intasando i forum di mezzo mondo riuscirà farà cambiare idea alla casa nipponica distribuendo nuovi firmware, ma a quando pare il signor Kazuo Hirai è piu’ che convinto che le decisioni prese siano vincenti, e il numero di Playstation vendute in questi mesi sembra gli dia ragione. Ma siamo sicuri che gli acquirenti sapevano a cosa sarebbero andati incontro?
Probabilmente l’uscita della PS4 puo’ essere in qualche modo prematura, forse dettata anche dall’imminente uscita dell’ Xbox One, l’ eterna rivale di casa Microsoft.
Sicuramente almeno nei prossimi mesi, non la si potrà sfruttare come molti utenti pensavano.

E VOI?

Quanti di voi hanno acquistato la Playstation 4?
Quali problemi avete riscontrato?
Siete rimasti delusi dalla Playstation 4?
Fatecelo sapere nei commenti e sulla pagina Facebook di Mondoinformatico!
Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest