Presentazione risultati di una ricerca sulla difficoltà degli acquisti online



Il 16 ottobre 2008 a Milano saranno diffusi i risultati Maisazi Compra, una ricerca sui siti di commercio elettronico e sulle difficoltà di carattere psicologico incontrate nelle fasi di acquisto on-line.

Da più di un anno, Maisazi Compra sta studiando i processi di acquisto on-line, tramite l’osservazione di soggetti volontari forniti di un budget di spesa, in modo da poter espletare sino in fondo il ciclo.

Obiettivo della ricerca è evidenziare i fenomeni negativi che si manifestano in persone che non abbiamo mai acquistato, quando decidono, per la prima volta, di farlo. In particolare ciò che si vuol cogliere è il disagio a livello psicologico per l’aumento del carico cognitivo, in varie situazioni. La domanda finale è: perché un utente che aveva deciso di acquistare, abbandona il sito? Cosa lo porta a ciò?

La ricerca, condotta da maisazi.com in collaborazione con Clicca e Gusta, Compagnia delle Puglie, Everywine.biz, s’è conclusa nel mese di luglio 2008.

Con la collaborazione di Giuseppe Bianchi S.p.a., invece, s’è organizzato un evento di presentazione dei risultati dello studio, un momento importante per tutti gli operatori del commercio elettronico, per i consulenti web marketing ed i progettisti di siti ecommerce. La partecipazione all’evento è gratuita, basta scrivere agli indirizzi forniti sulla pagina indicata, per avere un invito. La data fissata è il 18 ottobre 2008, al Grand Hotel Villa Torretta a Sesto San Giovanni (a pochissimi metri dal confine con Milano).

L’importanza che questi dati hanno per chi si occupa di commercio elettronico, ad ogni livello, è testimoniato dagli sponsor, tutti operatori del settore. Chi vende on-line, infatti, non può trascurare le dinamiche psicologiche dei potenziali clienti. Va tenuto presente che tra il 95% di italiani che ancora non acquistano, c’è un enorme bacino di utenti che potrebbero convertirsi in clienti, se si capisse cosa impedisce loro di completare l’ordine. Non stiamo parlando dei problemi di carattere tecnico o di usabilità, ma di ciò che agisce a livello mentale in relazione a problemi a volte insospettabili per chi sta dall’altra parte, cioè progettisti e venditori.

Caratteristica unica della ricerca è che non si è basata su questionari, ma sull’osservazione diretta dei soggetti, scegliendoli ogni volta con le caratteristiche necessarie per rappresentare un campione realmente in target con le aspettative di chi desidera vendere on-line.

Perché proprio un blog enogastronomico come maisazi.com ha deciso di condurre una simile ricerca? A questa domanda che spesso è stata rivolta ai titolari dello stesso, s’è risposto indicando uno degli obiettivi principali del blog: fare web marketing enogastronomico. La ricerca, infatti, studia i problemi psico-cognitivi nel settore enogastronomico, ma la maggior parte di essi è di carattere generale. Chi compra un coltello professionale o un vino, non è fondamentalmente una persona diversa da chi compra un iPod o un cellulare o un libro o un DVD. Forse è diverso da chi compra un software, ma non è neppure del tutto e vero e non sempre.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest