Produzione iPhone 5 ferma per sciopero alla FoxConn



Di nuovo problemi nello stabilimento della FoxConn, nella regione cinese dello Shenzen, dove si fabbricano i famosi Iphone della Apple.

Pare che i circa 4000 dipendenti delle fabbriche abbiano incrociato le braccia a seguito della richiesta dell’azienda di lavorare anche nella settimana in cui si festeggia l’anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese. D’altronde la Apple ha chiesto ai vertici della FoxConn di incrementare i regimi produttivi a causa delle forti richieste dell’Iphone 5: il risultato, nelle scorse settimane, era stata una produzione difettata: le fotocamere dei melafonini scattavano foto con predominante viola e c’erano spesso graffi sulla scocca dei modelli neri. Alla nuova richiesta di ritmi più serrati, questa volta i dipendenti hanno detto no. I vertici dell’aziende negano lo sciopero ma è fuor di dubbio che questa reazione dei dipendenti sia solo l’ultima di una lunga serie di malumori della locale forza di lavoro: lo scorso anno ci fu un altro sciopero in seguito ad un’ondata di suicidi, sempre per i ritmi forzati chiesti dalla Apple. Fu aperta una mini-inchiesta interna. Basterà anche questa volta?

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest