Protocolli di comunicazione e suddivisione dei livelli secondo il modello OSI



Come accennato in precedenza, per protocollo si intende un insieme di regole che governano il flusso di informazioni fra due utenti collegati ad una rete di trasmissione dati. I protocolli per le reti telefoniche e telegrafiche prendono il nome di segnalazioni.


Suddivisione dei protocolli in sette livelli o strati (layers) secondo il modello di riferimento OSI

Livelli OSI

Il modello di riferimento OSI per la connessione di sistemi aperti è stato proposto alla fine degli anni ’70 dall’ISO (Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione) al fine di stabilire un complesso di procedure normalizzate indipendenti dalle risorse hardware e software presente nell’apparato dell’utente.

Questa normativa non riguarda l’architettura interna dei sistemi, ma le loro interfacce verso l’esterno. Per sistemi aperti si intende quei sistemi che sono capaci di comunicare fra loro indipendentemente dal costruttore e dal mezzo di comunicazione impiegato.

Quando uno strato (layers) emette una PDU (Protocol Data Unit), essa compie un percorso costituito dall’attraversamento di tutti gli strati sottostanti e dall’invio di segnali elettrici sul canale fisico. Dal punto di vista logico un determinato livello di un sistema (terminale o nodo di rete) instaura una comunicazione con il corrispondete livello di un altro sistema.

In pratica però le informazioni non sono scambiate direttamente fra i livelli corrispondenti (a eccezione dei livelli fisici), ma ciascun livello passa i dati e le informazioni di controllo al livello immediatamente inferiore, finche non si raggiunge il livello fisico che prevede al trasferimento dei dati.

Il livello fisico è l’unico che effettua una connessione materiale con il livello corrispondente degli altri sistemi, tutti gli altri livelli effettuano solo connessioni virtuali.

Ogni livello del modulo OSI in fase di trasferimento:

  • riceve, dal livello superiore, il blocco di dati costituente l’unità base
  • vi aggiunge una testata (intestazione che viene inserita all’interno del campo informativo) che contiene informazioni di controllo
  • passa la nuova unità base al livello inferiore

Ogni livello del modulo OSI in fase di ricezione:

  • esamina solo le informazioni di controllo contenute nella testata, inserite dal corrispondete livello della sorgente, e svolge il suo servizio
  • elimina tali informazioni di controllo
  • passa l’unità base al livello superiore

Il modello OSI prevede sette livelli di protocolli:

  • i primi 3 livelli sono detti protocolli di rete e sono presenti nei terminali di utente e in ogni nodo (elaboratore) della rete di telecomunicazione
  • dal 4 livello in poi sono detti protocolli di utente e sono associati solo agli apparati terminali e non alla rete

Quindi negli apparati terminali dei due sistemi (trasmittente e ricevitore) sono implementati i protocolli di tutti i livelli. Ai nodi intermedi della rete sono presenti solo i protocolli dei primi 3 livelli, cioè i protocolli di rete.


Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest