Pulizia dei sensori della macchina fotografica digitale e come evitare la polvere



La sporcizia sul sensore della vostra DSLR appare come un marchio fastidioso buio nello stesso posto su tutte le vostre foto. È più evidente sui posti colorati delle immagini, come il cielo azzurro o un abito bianco. Niente panico, la sporcizia può essere facilmente rimossa dalle foto utilizzando un programma per la modifica foto, come Photoshop. Quando un punto si trasforma in due o più, diventa una seccatura. Polvere sul sensore è un problema con DLSRs perché può penetrare nella fotocamera quando si cambia l’obiettivo, e ci sono ancora le fotocamere DSLR senza l’auto-pulizia dei sensori.

20090905pentax

Pulizia dei sensori della macchina fotografica

Cercate di non lasciare la polvere entrare nella camera. Sempre cambiate le lenti in un ambiente pulito privo di polvere e riparate la fotocamera da qualsiasi vento. Inevitabilmente un po di polvere entrerà all’interno della camera e nei sensori. Cambia la lente nei posti chiusi, dove la polvere ha meno probabilità di entrare nella macchina fotografica, e tenetela con la  lente rivolta verso il basso e date al interno un colpo veloce con una ventilatore a mano. I ventilatori per questa operazione sono disponibili da parte rivenditori delle DSLR a forma di un bulbo di gomma che si schiaccia per creare un soffio leggero di aria.

Produttori di macchine fotografiche di solito raccomandano nei loro manuali operativi a ritornare la fotocamera ad un agente qualificato per pulire la polvere dal sensore. La pulizia non corretta potrebbe danneggiare il sensore delicato. Se si trascura i consigli del produttore, tenete la fotocamera puntata verso il basso ed usare a ventola di mano di gomma per creare una leggera brezza a rimuovere qualsiasi particelle di polvere caduta sul sensore.

Sporcizia testarda

Se ci sono macchie ostinate, allora avete bisogno di portare la vostra fotocamera per una pulizia professionale, perché questo passo richiede un certo grado di competenza e di cura. Si deve utilizzare solo solventi e tamponi di pulizia fatti specificamente per i sensori delle camere digitali fotografiche. I solventi sono fabbricati ad un elevato livello di purezza e sono destinati a evaporare completamente, senza lasciare residui sul sensore. Poi ci sono gli applicatori specializzati, o tamponi, questi vengono in singoli sacchetti di plastica sigillati per garantire che essi sono completamente privi di polvere. Vengono nei formati diversi per soddisfare le diverse dimensioni e forme dei sensori.

In generale, mettete una goccia o due di solvente su un batuffolo di cotone pulito e poi accarezzate la superficie del sensore con il tampone. Non premete il tampone sul sensore, basta lasciarlo scivolare su tutta la superficie. Parte del lavoro del solvente è quello di formare una sottile pellicola di liquido tra il tampone e la superficie del sensore per lubrificare questo movimento. Il solvente scioglie anche il legame tra la polvere e il sensore, in modo che il movimento laterale del tampone spazza via la sporcizia dal sensore. Ancora una volta l’operazione potrebbe richiedere diversi tentativi. Non usate la forza o premere il tampone sul sensore o essere tentati di provare un solvente più potente, perché con questo si rischia di danneggiare in modo permanente il sensore che è molto peggio di una macchia fastidiosa di polvere.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest