Rapidshare fa gli indirizzi IP: prime perquisizioni.



Se avete di recente scaricato dei file non troppo legali, probabilmente lo avrete fatto da rapidshare.
Rapidshare è un servizio di hosting gratuito che inoltre permette ai propri uploader di poter guadagnare del denaro mediante le esposizioni pubblicitarie cliccate da chi scarica quel file.

Rapidshare aveva dichiarato di NON MONITORARE LE ATTIVITA DEGLI UPLOADERS, così non è stato, nei giorni scorsi è stata effettuata la perquisizione da parte delle forze dell’ordine tedesche di un utente che aveva caricato in esclusiva l’ultimo album dei Metallica.
Sembra che i magistrati tedeschi abbiano fatto forza sulla legge tedesca che protegge i diritti d’autore, hanno provveduto a chiedere quale fosse l’indirizzo IP dell’uploader e poi in combutta con l’IPS sono arrivati a un nome e cognome.

Tele2 insieme a un altro IPS Bahnof sta facendo ostruzionismo contro la possibilità che da parte di un privato, mediante un tribunale, si possa arrivare a un nome mediante un indirizzo IP.
Un altro ISP “minaccia” di cancellare i database degli indirizzi IP utilizzati dopo che la loro funzione sarà esaurita (quando l’utente si disconnette).

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest