Realizzato il crack per Playstation 3



E’ stato George Hotz a bucare il Sony Hypervisor dopo 3 anni di inviolabilità.

L’hacker, già noto per aver bucato il sistema Apple iPhone 3GS e aver proposto una tecnica per il jailbreaking su questo terminale, è riuscito ad aggirare la protezione hardware della Sony Playstation 3 e ad ottenere un accesso sia in lettura che in scrittura alla memoria della PS3, compiendo praticamente il passo necessario per realizzare modifiche alla consolle per permettere l’esecuzione di software non originale.

20100126ps3_exploitIl lavoro dell’hacker è visibile sul blog dedicato, On The Playstation 3 gemello del blog dedicato all’iphone 3GS, On The iPhone , ma mentre nel secondo sono presenti anche tool per effettuare l’hacking (come il blacksn0w oppure il blackra1n), il primo vuole essere solo un blog informativo. Sono presenti accenni a insuccessi/successi, ma l’hacker non è disposto a rivelare (per ora l’exploit):

“As far as the exploit goes, I’m not revealing it yet. The theory isn’t really patchable, but they can make implementations much harder. Also, for obvious reasons I can’t post dumps. I’m hoping to find the decryption keys and post them, but they may be embedded in hardware. Hopefully keys are setup like the iPhone’s KBAG.”

Come reagirà ora la Sony? Di recente, per arginare la pirateria, Microsoft ha disconnesso 1 milione di utenti da Xbox Live. Dovremmo attenderci misure simili?

Comunque questo hack è un altro esempio che una protezione fatta da un essere umano può essere aggirata dal lavoro di un altro essere umano.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest