Recensione completa Kindle Fire HD 8.9”



A distanza di una generazione, ci possono essere grandi differenze. Mentre il primo Kindle Fire ha colto l’attenzione di tutti, c’era soltanto una cosa che andava realmente presa in considerazione: era economico. Ma quando si ha in mano il Kindle Fire HD da 7 pollici, non possiamo che pensare che si tratti di un bellissimo dispositivo, che deve essere per forza economico.
Adesso, però, c’è una nuova versione leggermente più larga dello stesso tablet e, al tempo stesso, ad un costo molto più alto.

Stiamo parlando del Kindle Fire 8.9, che è di poco più grande di due pollici lungo la diagonale rispetto alla versione precedente. Il costo è di 299$ per quelli che hanno una memoria da 16GB, 100 dollari in meno se confrontiamo il prezzo con l’analogo del Kindle Fire HD. I prezzi, ovviamente, vanno a salire, fino a salire ai circa 499 dollari per la versione 32GB LTE.

HARDWARE
Una volta spacchettato il Kindle Fire 8.9, si ha l’impressione che sia identico al suo predecessore da 7 pollici. Un po’ più largo, ma dal design indistinguibile. Le dimensioni orizzontali e verticali sono state leggermente gonfiate, in modo da assumere spazi tipici di un 8.9 pollici. Infatti, il tablet misura 9.45*6.45 pollici (240*165 pollici), ma è leggermente più sottile rispetto al modello da 7 pollici: 0.35 pollici e 0.4 (8.9 contro 10.3 mm). Piccola differenza, invece, sul peso, dato che il nuovo modello del tablet lanciato da Amazon pesa circa 567 grammi.
Anche su questa versione, lo stile del Kindle Fire resta piuttosto buio, con un rivestimento soft-touch di colore nero opaco, che è animato da una piccola banda lucida longitudinale. Il marchio di Amazon è presente in maniera minimale, dato che si trova sul fondo, sulla banda lucida, e sembra accendersi una volta posto in rilievo.

La banda lucida va da un altoparlante all’altro, che sono ancora una rarità deludente sui tablet. Gli altoparlanti sono protetti da una griglia scanalata, ma questi slot sono più corti rispetto a quelli presenti sul Kindle Fire 7 HD. Esteticamente questo dettaglio appare meno interessante di quello visto nella versione precedente del Kindle, ma dà comunque al dispositivo un tocco davvero particolare. Attorno al bordo del dispositivo c’è un cerchio scuro fatto da un materiale piuttosto resistente. Sul bordo superiore a destra c’è il jack da 3.5mm per collegare le cuffie, assieme al tasto di accensione e a quello di bilanciamento del volume. E questa zona costituisce una forte innovazione rispetto al vecchio Kindle Fire, che era totalmente privo di controlli fisici.
In basso, invece, in zona centrale ci sono le porte microUSB e microHDMI, separate dalla stessa distanza del 7HD. Tra queste, inoltre, c’è il piccolo connettore per il microfono.

CONFIGURAZIONI E STRUTTURA INTERNA
Kindle Fire HD presenta una struttura interna molto simile a quella del suo predecessore, tra cui un processore dual-core OMAP, che va dai 300 Ghz ai 1.5 Ghz. E’ presente una memoria RAM da 770 MB, anche se questa non è correttamente specificata sulla presentazione del dispositivo. Per quanto riguarda lo spazio disponibile su disco fisso, si passa dai 16 GB con costo fissato sui 299 dollari, fino ai 499$, come detto prima, per un modello LTE.

Per la connessione Wi-fi è presente lo stesso modello MIMO getup wireless, che era già presente nel Kindle Fire 7HD e che fornisce prestazioni migliori rispetto agli altri tablet. Il modello LTE 4G riesce a raggiungere modelli anche superiori, come il radio cellulare AT&T, e lavora con HSPA+, HSDPA ed EDGE in casi peggiori.
Certo che il prezzo di 499$ per un Kindle è piuttosto alto, anche se potrebbe essere conveniente comprare un tablet LTE, che permette di avere accesso ad uno dei più convenienti piani tariffari per il traffico dati.

DISPLAY E ALTOPARLANTI
Con la presenza di tablet del calibro dell’Ipad e del Nexus 10, è difficile rimanere attratti e sbigottiti dalla potenza computazionale del Kindle Fire HD, che dispone di un grande display, estremamente adatto per il tipo di contenuti da visualizzare per il quale è stato progettato. Luminosità e contrasti sono tipici di un monitor LCD con eccezionali angoli di visione. Il Kindle presenta una migliore risoluzione visiva rispetto al Nexus.
Eppure non è tutto oro quello che luccica. Infatti, per questo motivo, i creatori di contenuti e applicazioni sono spinti a fornire importanti miglioramenti sotto il profilo della grafica, dato che alcune app create come terze parte da Android non hanno un’ottima risoluzione.

Se il Kindle strappa applausi per il display, c’è, senza dubbio, un passo indietro per quello che riguarda la riproduzione dell’audio. Il volume massimo non sfrutta al meglio le potenzialità della riproduzione del suono, ma tutto sommato la qualità è complessivamente buona. Dunque, avremo un audio metallico, ma accettabile e se poniamo il Kindle a faccia in giù su una scrivania, avremo l’effetto della presenza di un lettore musicale in una stanza d’albergo.

PRESTAZIONI E CONSUMO DELLA BATTERIA
Come detto prima, Kindle Fire HD presenta un processore dual-core TI OMAP 4470, con frequenza di clock pari a 1.5 GHz. Questa caratteristica rende il sistema operativo Fire più performante delle migliori distribuzioni di Android, anche se i tempi di esecuzione possono sembrare di volta in volta più lenti. Rapida è, invece, la visualizzazione delle pagine web, così come l’ingrandimento di dettagli, cosa che non accade per le operazioni di scrolling.

Per quanto riguarda il consumo della batteria, secondo quanto riferito da Amazon, Kindle Fire HD da 8.9 pollici ha una durata di circa 10 ore, una in meno rispetto alla versione Fire 7 HD. Effettuando un confronto con altri tablet lanciati da altre aziende informatiche, questo dispositivo presenta una capacità inferiore rispetto ai più noti Apple Ipad o Samsung Galaxy Tab (la cui durata della batteria si aggira sulle 11-12 ore), mentre è al pari di tablet che hanno quasi le sue stesse caratteristiche, come il Nexus 7 o l’Asus Transformer Prime TF700 Infinity, uno dei più recenti marchi di fabbrica di casa Android.

SOFTWARE
La versione da 8.9 pollici del Kindle Fire HD presenta la stessa interfaccia utente del suo predecessore, lanciata nello scorso mese di settembre. Per questa occasione essa è stata sviluppata da Ice Cream Sandwich, al fine di fornire una maggiore usabilità ed un miglior tempo di risposta. E se inizialmente odiavate Amazon, perchè nascondeva tutti i contenuti provenienti da Android, questa vostra insoddisfazione può continuare anche in questa nuova versione del Kindle Fire.

Infatti, tutto ciò che andremo a consultare tra applicazioni, musica, pagine internet e filmati viene aggiunto al menu principale in ordine last in-first out, ovvero i contenuti vengono visionati dall’ultimo inserito fino al primo. Quando vogliamo selezionare un gioco o un libro da leggere, questi elementi vengono spostati in cima alla lista dei contenuti e resi accessibili, attraverso un semplice movimento del dito. Questo passo, pertanto, è molto utile per coloro che vogliono saltare da un file all’altro.
Se invece volete andare più a fondo delle cose, troverete il vostro materiale multimediale organizzato per contenuto. Assieme a tutto quello che c’è nel vostro spazio cloud. In questo modo potremmo anche aprire contenuti che non consultiamo da tempo e, per far ciò, non ci resta che toccare l’elemento sul display, in modo che, attraverso la connessione Wi-Fi, questo possa essere riprodotto, purchè abbia una dimensione inferiore ai 50 MB.

Se siete, invece, alla ricerca di libri, musica o film avrete un’ampia gamma di scelta. Attraverso Amazon, infatti, avrete tutto quello che è a disposizione per il consumo digitale. Anche ad un prezzo più basso rispetto alla concorrenza, cosa che aiuta senza dubbio l’utente.
Molto ristretto è, invece, il mercato delle applicazioni. Amazon è riuscita ad ottenere un accordo con la Rovio, che produce giochi che vedono protagonisti gli animali, ma è ancora ben poca cosa rispetto a quello che si trova nel Google Play. Il rimedio potrebbe arrivare dal download delle APK, ma avremmo comunque problemi, nel caso in cui volessimo lanciare app come Gmail o Google Maps.

E poi c’è il browser Silk, che dovrebbe velocizzare la visualizzazione delle pagine web, mediante lo sfruttamento dell’HTML di tipo cloud-accelerated di Amazon. Rispetto al Nexus 7, Kindle Fire HD da 8.9 pollici presenta, in questo caso, tempi di risposta più alti, anche se c’è qualche miglioramento.
Da settembre, inoltre, Amazon ha aggiunto anche un paio di modifiche al sistema operativo, come l’espansione della funzione Raggi X per i libri di testo, consentendo di avere la definizione di un glossario ed anche di indice per quei vocaboli difficili, che possono essere consultati su Wikipedia. Questa funzionalità è attiva anche nel corso della riproduzione dei film, dato che ci permette di aggiungere un commento per qualunque attore presente nella scena corrente. C’è anche FreeTime, che offre un maggiore controllo ai genitori sul tipo e sulla durata della consultazione dei contenuti.
Infine, non possiamo menzionare gli annunci di offerte speciali che appaiono mentre consultiamo software della Kindle. Una cosa che di sicuro non piace molto all’utente, il quale, però, deve tenere a mente che questo tablet esiste esclusivamente per vendere roba di tutti i tipi.

UN BREVE CONFRONTO
Con un prezzo iniziale di 299 dollari, Kindle Fire HD 8.9 ha un costo inferiore di circa 100 dollari rispetto ai più economici tablet a lui simili, come il Nexus 10. Questo dispositivo presenta una più alta risoluzione ed è dotato di un sistema operativo Android. Per alcuni questo è il costo aggiuntivo, ma se si vuole una connettività cellulare, la decisione è piuttosto semplice. E poi c’è il Barnes & Noble Nook HD +, che ha un sistema Android ed è molto simile al Kindle Fire per caratteristiche tecniche. Il neo di questo tablet è la presenza di un app store ancora più povero di quello di Amazon.

CONCLUSIONE
Kindle Fire HD da 8.9 pollici è adatto per coloro che hanno bisogno soltanto di consultare contenuti multimediali o la loro posta elettronico, mentre è poco adatto per quegli utenti che vogliono utilizzare il tablet prettamente per motivi di lavoro. In questo caso è raccomandabile un sistema operativo Android.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest