Recensione iPad Mini parte 2: display, performance e camera



Dopo aver analizzato le caratteristiche hardware del nuovo iPad Mini, vediamo ora gli aspetti relativi al display, alla camera e alle performance.

Display:
No, non è un retina display, ma mantiene la stessa risoluzione del formato da 10″, anche se con una densità di pixel minore, soli 163ppi invece dei 264ppi dell’iPad di 4a generazione – per non parlare dei 326ppi dell’iPhone 5. Naturalmente, questo comporta che il testo non è chiaro e leggibile ad ogni grandezza come sui nuovi iPad classici, tutto sommato però risulta davvero un ottimo display.

Infatti abbiamo notato che la luminosità e la riproduzione di colori è stata nettamente migliorata rispetto a quella dell’iPad 2 e che è quasi comparabile a quella dei retina display. I colori sono un vero piacere per gli occhi e l’angolo di visione non delude mai. Potrete posizionarvi comodamente seduti con i vostri amici al fianco e tutti avranno un quadro chiaro delle immagini sul dispositivo. Certo i possessori di iPad mini peccheranno un po’ d’invidia per la risoluzione ma non per altre componenti!

Performance e durata della batteria:
L’iPad mini monta un processore dual-core da 1Gh con 512MB di Ram, come nell’iPad 2 ed infatti ottiene gli stessi punteggi nei benchmark: 751 il suo punteggio contro il 721 dell’iPad 2 (altri dispositivi: iPad (late 2012) 1.763, iPad (2012) 720, iPad 442, iPhone 5 1.628, iPhone 4S 623)

Questi numeri soffrono in confronto a quelli del nuovo iPad di 4a generazione, ma nell’uso quotidiano, il gap prestazionale, non si nota affatto. Alcune applicazioni impiegano un po’ a caricarsi ma la maggior parte si apre subito e tutte, una volta aperte, non mostrano alcun rallentamento nell’uso. Dunque non vedremo l’iPad mini primo nei benchmark del processore ma di sicuro il primo posto lo guadagna quando si va a prendere in considerazione la durata della batteria.

Apple iPad mini – 12:43 (WiFi)
Samsung Galaxy Tab 7.7 – 12:01
Apple iPad (late 2012) – 11:08 (WiFi)
Apple iPad 2 – 10:26
ASUS Eee Pad Transformer Prime – 10:17
Samsung Galaxy Tab 10.1 – 9:55
Apple iPad (2012) – 9:52 (HSPA) / 9:37 (LTE)
Google Nexus 7 – 9:49
Apple iPad – 9:33
Pantech Element – 9:00
Motorola Xoom 2 – 8:57
HP TouchPad – 8:33
Lenovo IdeaPad K1 – 8:20
Motorola Xoom – 8:20
T-Mobile G-Slate – 8:18
Acer Iconia Tab A200 – 8:16
Samsung Galaxy Tab 7.0 Plus – 8:09
Lenovo ThinkPad Tablet – 8:00
Archos 101 – 7:20
Archos 80 G9 – 7:06
RIM BlackBerry PlayBook – 7:01
Acer Iconia Tab A500 – 6:55
T-Mobile Springboard – 6:34
Toshiba Thrive – 6:25
Samsung Galaxy Tab – 6:09
Motorola Xyboard 8.2 – 5:25

Nel nostro test, di riproduzione video, con Wi-Fi attivo e luminosità fissa, l’iPad mini ha resistito ben 12 ore e 43 minuti, un record! Ben 42 minuti più del Samsung Galaxy Tab 7.7.

Camera:
L’iPad 2 non ha mai visto nella propria fotocamera ne la funzione HDR O Panorama, tanto utili su iPhone 5. Neanche l’iPad mini le ha ma presenta un modulo fotocamera migliorato da 5 megapixel f/2.4 come quello montato su iPhone 4 e quindi in grado di fotografare e catturare video ottimamente. Certo non è il sensore da 8 megapixel dell’iPhone 5 con una grande gestione della luminosità etc ma fa il suo dovere egregiamente.

E’ in grado di catturare video di buona qualità, fatti a 1080p. Ma la fotocamera non particolarmente dotata di risoluzione ed il nuovo chip di processo delle immagini non permettono una elevata stabilizzazione dell’immagine come quella dell’iPhone 5. Dovrete essere molto fermi con la mano per ottenere video eccezionali.

FONTE: Engadget

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest