Recensione PROTOTYPE



20090804prototype2

Prototype è una delle migliori sorprese di quest’anno.

Lo reputo un gran gioco, seppur alcuni amici mi riferiscono sia ripetitivo, ma dal mio punto di vista non lo è, e comunque non più di altri giochi simili. Se il gioco viene sfruttato appieno, vi sono diversi cambiamenti e differenze di approccio, ad esempio nei combattimenti, nonchè negli stessi nemici (gli amici, ahimè, sono comunque pochi).Inizialmente ci troviamo a dover fare i conti con una brutta situazione, catapultati subito in un’apocalisse che lascia poco spazio ai pensieri.

Trovo geniale l’idea di questa parte introduttiva, volta a instillare nel giocatore un senso sia di angoscia che di stupore, di confusione, perchè nulla viene spiegato.

Viene da pensare: “ma come, ho appena iniziato e c’è già sto caos…??”.

Invece questa parte iniziale, è diciamo un “tutorial al contrario”, perchè ti permette di giocare una parte di quello che succederà dopo, molto dopo.

Una volta finita questa scena non certo tranquillizzante, il gioco finalmente ci fa capire di più, ci mostra la storia che ha causato quel disastro e ci fa conoscere quello strano personaggio che stavamo usando strabuzzando gli occhi.

Bellissimi i video introduttivi e di intermezzo, con uno strano stile di flashback e incroci tra Computer Grafica e video reali, che dicono e non dicono, lasciando spazio a immaginazione e lasciando scoprire mano a mano la verità.

Passiamo al personaggio. Alex Mercer. Un uomo che si allontana di molto dal canone dei supereroi tradizionali. E’ dotato sì di poteri, ma suo malgrado, e deve scoprire e vendicarsi per essere stato ridotto a quel modo. Inoltre, non ricorda nulla

Il giocatore è veramente molto libero di scorrazzare per New York, la città che vediamo all’inizio e per tutta la durata della trama,mano a mano che riusciamo a svelarla, e i poteri di Alex ci permettono di muoverci certamente in modi non convenzionali, correndo sui muri, facendo incredibili salti e, volendo, causando una bella serie di danni a persone e cose. Moltissimi sono i “sottogiochi” che ci permettono di acquisire punti per migliorie a movimento, armi, vitalità e tecniche, e sono veramente tante.

L’energia vitale di Alex può essere ricaricata, come dire, “assimilando” altre creature, un’operazione non proprio ortodossa e gradevole da vedere ma utile per la sopravvivenza..

Non voglio dilungarmi nello svelare particolari, altrimenti si perde l’essenza di mistero che pervade il gioco, e vi consiglio di provarlo, è sicuramente qualcosa di originale nel panorama videoludico.

Avrete a che fare con una misteriosa malattia, mutazione, strane creature e militari che tentano di arginare il disastro. E voi, avrete solo pochissimi personaggi da non considerare nemici, in una città con milioni di abitanti. Ce la farete?

Qui è presente IL TRAILER DI PROTOTYPE.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest