Risolvere i problemi con l’hardware



Quando ci imbattiamo nei problemi quotidiani del nostro pc a volte risolverli è più semplice del previsto e con pochi clic di mouse risolviamo i problema. Il sistema che si blocca all’improvviso, le ventole del case sempre in funzione, il led sempre acceso, la connessione ad interne assente, sono questi alcuni dei princiapli problemi che possono capitare.

Se si sente un leggero ticchettio all’interno del case è un evidente malfunzionamente dell’hard disk che forse è giunto alla fine del suo ciclo di vita. Questo si può verificare da quando, negli ultimi anni, i computer sono dotati della tecnologia S.M.A.R.T. che rappresenta un sistema di controllo grazie al quale l’hard disck informa il sistema operativo del suo stato di salute, obiettivo di questo dialogo è quello di prevenire eventuali malfunzionamenti monitorando alcuni parametri fondamentali che agiscono come campanello d’allarme di una futura avaria.

Quindi per sapere in anticipo la vita del proprio pc e salvare in tampo i dati basta installare un software in grado di leggere questo registro. Sono tanti i prodotti in distribuzione, come ad esempio ACTIVE HARD DISK MONITOR di cu iesiste anche una versione gratuita ed una volta installata verrano diagnosticati i dischi connessi al sistema e sarà possibile estrarre tutte le informazioni del monitoraggio SMART. Active disk monitor presenta un rapido rapporto con cui conoscere la temperatura del disco, il tempo totale di lavoro dello stesso, e la condizione generale di salute del supporto, ma prima di fidarsi di queste informazioni è importante verificare se il proprio hardware supporti correttemente l’implementazione del protocollo SMART, infatti non bisogna allarmarsi se risultano valori fuori forma perchè non tutti i produttori forniscono la totalità delle possibili informazioni messe a disposizioni dallo standard, anche se sono sempre maggiori quelli che supportano almeno quelle fondamentali ed inoltre non è detto che il proprio bios li tratti nel modo giusto.

In questo caso necessita cercare maggiori informazioni del proprio computer prima di procedere con la sostituzione dell’HARD DISK. E’ logico infine notare che il monitoraggio SMART non potrà evitare danni improvvisi, come fulmini oppure se cade a terra, quindi bisogna sempre eseguire un backup dei propri dati.

Per i problemi più comuni Windows a messo a punto un fix center con l’obiettivo di automatizzare la diagnosi e fornire le migliori soluzioni. Ci colleghiamo al sito Microsoft Fixitcenter e clicchiamo try it now per scaricare ed installare il cliente sul proprio pc, questo è possibile solo con XP e VISTA per il seven la partecipazione al programma beta è chiusa e si può usare la sola modalità on-line. Dopo aver installato il programma compare un finestra in cui vengono elencati i test che verrano effettuati ed in grado di rilevare i problemi più comuni, per ognuno di essi è presente il modulo con cui ripristinare il corretto funzionamento di windows, basta premere run ed aspettare l’esito.

Collegandosi al sito fixit center  si ottengono ancora più aiuti, per accedere al supporto basta un account microsoft liveid dopo essersi identificati basta raggiungere la sezione  find solutions e indicare il sistema operativo, in questo caso anche il seven, da riparare. Per ogni problema è possibile un aiuto specifico, i pulsanti run now consentono l’esecuzione del test, le correzioni vengono applicate immediatamente nel caso vengono individuati i problemi.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • davide

    ho il mio pc fisso che quando lo accendo nel monitor nn viene visualizzato nulla…il pc si accende normalmente ma nn riesco a capire quale sia il mio problema.Vi ringrazio per una eventuale vostra risposta…

Pinterest