Risparmiare tempo con la posta elettronica certificata



Con l’entrata in vigore della legge n.2 del 28 gennaio 2009, anche nel nostro paese è stata introdotta la PEC, Posta Elettronica Certificata, strumento creato per velocizzare le pratiche di aziende, liberi professionisti e Pubblica Amministrazione. Un vantaggio che chiaramente si riversa sui cittadini, i quali sono poi di fatto gli unici a pagare i numerosi problemi legati alla lentezza burocratica.

Nello specifico, un messaggio di posta scambiato fra due caselle di posta certificata, assume valenza legale, paragonabile in tutto e per tutto ad una raccomandata con ricevuta di ritorno. Il mittente infatti, riceve dal proprio gestore di posta una ricevuta che attesta l’avvenuta spedizione del messaggio e della relativa documentazione allegata; allo stesso tempo, quando il messaggio giunge al destinatario, al mittente perviene una ricevuta che ne attesta l’avvenuta o mancata consegna. Addio dunque a spese inutili e perdite di tempo superflue. Per dare un altro esempio dei vantaggi che ha introdotto la PEC, con l’inizio del nuovo anno i circa 250.000 supplenti delle scuole saranno convocati mediante poste elettronica certificata, facendo scomparire le lungaggini burocratiche tipiche del caso.

A seconda delle diverse esigenze, gli interessati possono scegliere tra le varie offerte degli operatori del settore. Ad oggi sono più di 500.000, tra aziende e liberi professionisti, che hanno già attivato il servizio.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest