Samsung App academy, la scuola per diventare sviluppatori di applicazioni Android



Un’academy nata in una università italiana, con l’obiettivo di insegnare ai giovani una professione innovativa, quella dello sviluppatore di applicazioni mobile: è la Samsung App Academy, nata da una collaborazione tra il colosso tecnologico sudcoreano e il MIP Politecnico di Milano School of Management, che partirà a breve, il prossimo 13 ottobre, con il suo primo corso gratuito di “Sviluppo App per non sviluppatori”.

Si tratta del primo corso nel suo genere in Italia e colma un vuoto formativo importante, vista la crescente richiesta da parte del mercato di figure professionali specializzate nello sviluppo di applicazioni mobile, in particolare per la piattaforma Android, che al momento è la leader di mercato e allo stesso tempo con i maggiori margini di crescita. E in generale, tutto il settore mobile è in un momento di forte espansione, che continuerà anche nei prossimi anni e richiederà un crescente numero di addetti, in particolare di figure tecniche in grado di sviluppare applicazioni.

Una recente ricerca finanziata dalla Commissione Europea ha infatti diffuso alcuni importanti numeri relativi alla cosiddetta app economy, che sarebbe in grado di generare entro il 2018 circa tre milioni di nuovi posti di lavoro in Europa. Attualmente nel vecchio continente ci sono infatti circa 1 milione di sviluppatori e 800.000 figure di supporto agli stessi developer, che entro il 2018 potrebbero diventare rispettivamente 2,7 e 2,1 milioni. Uno studio dell’Osservatorio Mobile & App Economy del Politecnico di Milano ha certificato inoltre che nel complesso l’economia mobile in Italia (tra dispositivi, applicazioni e reti) ha raggiunto lo scorso anno il valore di 25,4 miliardi di euro, corrispondenti all’1,6% del PIL.

Lo stesso Osservatorio Gioco Online del Politecnico di Milano ha mostrato inoltre che in un settore competitivo come quello del gioco online, la maggior parte degli operatori di mercato, tradizionalmente legati al web, stanno sviluppando una loro strategia mobile e i tablet in particolare stanno diventando i dispositivi di riferimento per questo settore. Come si può intuire leggendo una recensione di casino online, giochi come le slot machine autorizzate hanno trovato la loro giusta dimensione grafico-ergonomica proprio nelle applicazioni native per tablet, per cui anche i soggetti economici che in passato erano indissolubilmente legati al web, oggi sviluppano precise strategie mobile, con le relative app.

Insomma, in uno scenario di mercato come questo, sempre più app oriented e che si sta preparando alla internet of things, saper sviluppare applicazioni diventa una professionalità spendibilissima nel mondo del lavoro. Il corso di “Sviluppo App per non sviluppatori”, che si articolerà in 18 giornate e 6 sessioni di laboratorio, è quindi una ghiotta occasione per lanciarsi in questo settore professionale ed è infatti indirizzato a neolaureati in qualsiasi disciplina e professionisti attualmente senza occupazione. I posti disponibili sono solo 30 ed è possibile inoltrare le proprie candidature entro il 2 ottobre 2014, attraverso gli appositi moduli presenti alla pagina www.mip.polimi.it/appsamsung.

Annunci sponsorizzati:

Ricerche effettuate:

  • materassi (VB) loc:IT
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest