Scopri questo semplice metodo per incrementare il tempo di permanenza sul tuo blog



Un test per aumentare il tempo di permanenza su un blog, sta portando dei buoni risultati su determinati articoli.

Ecco cosa sto scoprendo con esito positivo.
Dalle mie conderazioni, puoi anche tu trarre dei consigli utili per il tuo progetto on line.

 Su cosa si basa il test

Lo scopo del test è trovare il tipo di articolo che mi permetta di migliorare il tempo medio di permanenza sulle pagine di uno dei miei blog.

Per questo obiettivo, ho iniziato a studiare i le informazioni tratte da google analytics ed ho scoperto dati interessanti.

Ai miei lettori piacciono gli articoli che presentano liste di risorse utili, ovviamente correlate agli argomenti del blog.

L’articolo più letto di sempre, è una lista di 40 tutorial su photoshop ed ha un impressionante tempo di permanenza (7:28 minuti) paragonato alla media che ad ora supera di poco il minuto e mezzo.

Questo semplice controllo dei dati, mi ha spinto a scrivere degli articoli che presentano delle lunghe liste di risorse a blog esterni.

I primi positivi risultati dopo solo un mese dall’inizio del test

Infatti, ho inziato questo tipo di pubblicazione mirata con alcuni articoli ricchi di liste, che mi hanno permesso di incrementare nell’ultimo mese di qualche secondo il tempo di permanenza media, e di affermare in modo ancora più netto che il post più letto ha incrementato ancora di più i minuti di permanenza, superando i 7 minuti.

esempio di dati relativi alle statistiche di blographik.it

Da questo semplice test che è tutt’ora in fase di controllo, ho riscontrato che 2 degli ultimi articoli pubblicati con lunghe liste, si sono già posizionati nei primi 10 posti della classifica dei post più letti di sempre del mio blog.

Suggerimenti per il tuo blog

Si deduce che scrivere articoli con delle liste a risorse esterne, ovviamente di ottima qualità, con la presenza di un’immagine correlata per ogni blog ed una breve descrizione di ogni tutorial/risorsa, permette a blog correlati a temi simili al mio (risorse per blogging, grafica, web design, SEO etc.), di incrementare la permanenza media sul sito, con conseguente premio da parte di google in quanto, anche questo parametro viene utilizzato per calcolare la qualità dei contenuti di un blog.

Tu cosa ne pensi?

Questa è ovviamente la mia esperienza su un blog di nicchia.
Vorrei conoscere anche il tuo parere in merito alla pubblicazione di liste unite ai “normali articoli” per incrementare questo importante parametro, che tanto piace anche a Zio Google ;).

  • Hai riscontrato dati simili ai miei?
  • Reputi utile questo tipo di test?
  • Vuoi condividere con i lettori di mondoinformatico anche la tua esperienza in merito segnalando nei commenti i dati in tuo possesso?
Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Proverò a seguire i tuoi consigli.

  • @TizioIncognito: ok ;).
    Abbi però pazienza e non pretendere di ottenere subito dei risultati.

    Nel mio stesso articolo espongo abbastanza chiaramente che un mese è un paragone un pò piccolo, bisognerebbe aspettare secondo me di più, e poi iniziare a trarre le dovute conclusioni.

    Aspetto i tuoi primi risultati su questa discussione ;).

    Buon Blogging.

  • mirko, perdonami la scetticità, ma hai provato a raffrontare su altri articoli anche il numero di visite oltre alla durata di permanenza? non credo che questa influisca sull’indicizzazione, bensì i contenuti. Gli elenchi di risorse e immagini è ben noto che portano tante visite e quindi maggiore linkback e indicizzazione.

    Affinchè i risultati siano comparabili secondo me dovresti inserire anche un articolo non di risorse, che a parità di numero di visite, ma minor permanenza, sia maggiormente indicizzato. E’ questione di sperimentazione scientifica, non puoi cambiare tipo di articolo e usare come paragone solo la durata ;)

    fammi sapere, mi interessa :)

  • @Lauryn: è un piacere sentirti anche qui ;).

    Come dicevo anche nell’articolo e più in dettaglio nei due post pubblicati su blographik, l’articolo più letto del blog è proprio una lista.

    Quindi in questo caso, ho fatto 2 + 2, in quanto oltre ad essere il contenuto a più alta permanenza sul blog, è anche quello a più alto traffico.

    Appunto da qui è nata la mia voglia di sperimentare questz prova, ancora in corso, in quanto credo che il tempo di studio sia ancora poco (solo un mese).

    Forse mi sono spiegato male, ma non ho detto che questo tipo di articoli, aumenta l’indicizzazione di Google.

    Ho solo affermato che applicare questo test su un blog semi-tecnico come blographik, permette di migliorare il tempo di permanenza sulla pagina, che è uno dei parametri che vengono considerati da google per giudicare (e conseguentemente premiare o meno) un contenuto di qualità rispetto ad un altro.

    Secondo me ad ora i test bisogna farli cercando di toccare solo un paramentro alla volta, in questo caso specifico, ho cercato appunto di focalizzarmi sul puntare all’incremento del tempo di permanenza.

    In futuro non è detto che non possa puntare ad altri obiettivi, come ad esempio aumentare il numero di pagine lette dai lettori unici del mio blog.

    A proposito, visto che hai un blog che fa molto più traffico del mio (95.000 visitatori unici mensili, complimenti ;) ), e cura argomenti per certi versi simili, non potresti effettuare anche tu un test simile, e diffonderne poi i risultati?

    Dai tuoi dati, quali sono nel tuo blog gli articoli più letti?

    Grazie per aver partecipato in anticipo a questa discussione ;).

    Buon blogging.

  • ciao mirko!
    95.000 visitatori unici? magari, dove l’hai letto? nel miglior periodo di quest’anno di visitatori unici ne ho avuti “solo” 18.000! nel 2008 fra gli articoli più visitati ci sono degli elenchi di risorse, mentre la miglior combinazione numero di visite/tempo trascorso, ce l’hanno gli articoli che riportano dei tutorial.
    continuo a non essere convinta che google ritenga più di qualità gli articoli con permanenza maggiore…

  • @Lauryn: l’ho letto sul tuo blog nell’articolo “Numeri e statistiche divertenti di Iwd 2008”: cito testualmente ;):

    ====================================================

    I numeri

    * 95.000: Visitatori unici del blog……

    ====================================================

    Ovviamente credo tu intendessi al mese e non al giorno ;).

    Grazie per avermi segnalato i tuoi articoli più letti.
    Certo che i tutorial tirano sempre ;), ed è normale che siano più famosi delle liste di risorse.

    Credo che la qualità di alcuni tutorial presenti su blographik sia ancora inferiore al servizio offerto dalle liste di risorse segnalate fin’ora.

    Questo lo deduco dai miei dati sui migliori 15/20 articoli più letti di sempre.

    Riguardo google: non è che tenga in considerazione solo il tempo di permanenza, ma tra i tantissimi fattori che tiene in forte considerazione (secono me meno del tag title ;) ), c’è anche questo.

    Il test è focalizzato solo su questo, poi piano piano cercherò di creare altre prove, verificando se ciò che sto facendo sta apportando modifiche significative al mio piccolo network di blog.

    in questo modo, tenendo in considerazione diversi paramentri tra i quali:

    – il tempo di permanenza;
    – in numero di pagine visitate;
    – il tipo di articoli più visitati e/o commentati;
    – il numero di inbound link;
    – etc…..

    cerco di scoprire come agire lato SEO per incrementare il posizionamento dei miei blog.

    Sei stata molto gentile a partecipare alla discussione e offrire a tutti alcuni tuoi dati interessanti ;).

    Alla prossima discussione, sperando di riuscire ad essere d’accordo ;).

  • ottimo, allora ti seguo e verificheremo, la SEO è fatta spesso di esperimenti.

    ehm i 95.000 visitatori unici a cui fai riferimento sono ANNUALI eheh nè mensili nè giornalieri ahimè! nel titolo infatti si parla di statistiche del 2008. se fosse così sarei ricchissima ahhah

    a presto, tienici aggiornati!

  • @Lauryn: riguardo ai visitatori unici, hai ragione, sono stato io che ho capito male.

    Terrò aggiornati i lettori di blographik e so che tu e molti altri ne fate parte ;).

    Se riesco, pubblicherò anche un post correlato qui su mondoinformatico.

    Comunque il prossimo aggiornamento sarà tra un mese circa ;).

    A presto.

  • Anche con i 95.000 unici (mondoinformatico ce li ha) non diventi ricchissimo :D

  • @Tuonorosso: complimenti per le statistiche, dici 95.000 mensili?

    Ok non diventare ricchi, ma si inzia a monetizzare in modo concreto per un progetto duraturo che cresce nel tempo.

  • Sicuramente mondoinformatico è un po a sè, nel senso che la monetizzazione la fanno gli utenti…a noi rimangono solo i 3 banner pagati a cpm :D

    Per il resto posso confermarti gli oltre 95.000 unici mensili su mondoinformatico.

    Penso che a breve renderemo pubbliche le stats, alla fine il sito è di tutti coloro che scrivono :)

  • @Tuonorosso: rinnovo i complimenti per le grandi statistiche di questo progetto comune.
    Su blographik sto spingendo molto nell’invitare a collaborare altri blogger e professionisti del settore, per creare un blog che insieme all’aiuto condiviso di più autori, non potrà che offrire un servizio migliore ;).

    Sicuramente la suddivisione degli introiti, non vi porta a guadagnare moltissimo rispetto ad un altro blog/portale con gli stessi numeri di traffico.

    Sto seguendo questo progetto da un bel pò, e sono ben felice di constatare che il paid write funziona anche in Italia, grazie al vostro che ormai non è più un semplice esperimento o fase beta, ma un progetto avviato e molto promettente.

    Visto che ormai avete anche benefici provenienti da google news, la strada sarà sempre dura, ma sicuramente è meno in salita, e porterà laute ;) soddisfazioni anche a voi che avete creato questo servizio di condivisione di informazioni/conoscenze e di soldini ;).

    Scusate se sono andato off topic ;).

    Aspetto le stats del blog, per rimanere un pò a studiare i vostri dati e rimanere a bocca aperta ;).

  • Buonasera a tutti, e ciao Mirko, piacere di leggerti anche qui :)

    La discussione è interessante, ed io vorrei portare il mio contributo citando che la media del tempo trascorso sul mio sito (in firma) è molto simile a quella di Blographik.it di Mirko, ovvero poco più di 1 minuto e mezzo. Però se vado a leggere il tempo trascorso su alcuni articoli tecnici molto specifici (vedasi ADSL) il tempo aumenta considerevolmente, ma non a sufficienza per ritenere che i lettori leggano anche i commenti ;)

    Mi espongo adducendo una teoria bizzarra: forse i commenti li leggiamo solo noi addetti ai lavori? :D

  • @Nicola (NBweb): ci si vede anche qui ;).
    Non viglio ripetermi in quanto ne abbiamo aprlato anche su blographik, quindi la parola ai lettori di questo articoli che vogliono confrontarsi con Nicola ;).

    Diciamo che l’argomento potrebbe andare un pò off topic ma possiamo riportarcelo in calcio d’angolo ;).
    Diciamo che anche una buon apartecipazione nei commenti delgi articoli porta ad un incremento del tempo di permanenza sul blog, quindi la discussione potrebbe rimanere attinente all’articolo pubblicato.

    Riguardo alla mancata lettura dei commenti, con la conseguenza di una perdita del filo del discorso, credo sia normale che non vengano letti tutti….. soprattutto quando sono molti, il tempo in rete è breve ed intenso ;), e di conseguenza anche la lettura è un pò mordi e fuggi.

    A voi la parola.

  • io “temo” che molti lascino anche la pagina aperta per sbaglio. basta vedere le mie statistiche. alcuni articoli che non avrebbero motivo di essere aperti così a lungo eppure hanno una permanenza di 24, 36 minuti. possibile secondo voi?

  • @Lauryn: ottima considerazione.

    Dalle mie esperienze non ho mai riscontrato delle pagine con un così alto tempo di permanenza, infatti credo che come dici tu, qualcuno lasci aperta la pagina i per dimenticanza o per leggerla successivamente (come capita spesso a me ;) ).

Pinterest