Server a basso costo con Linux



Il sistema operativo Linux è riconosciuto dalla stragrande maggioranza come il miglior sistema per costruire un server. Se possedete un computer vecchio e non sapete come utilizzarlo, il sistema Linux è quello che fa per voi.  Voglio dirvi come con un Pentium 4 2.4 Mhz da buttare e con 2 gb di ram io sia riuscito a dar vita ad un server che utilizzo normalmente per un gestionale di magazzino su un database MySQL con al massimo una ventina di client connessi contemporaneamente. La parte cruciale dell’hardware nella costruzione del server è la ram, più ne abbiamo e meglio il computer riuscirà a comportarsi.

La distribuzione Linux che consiglio è la Slackware, perchè molto leggera e priva di fronzoli, installando solo il sistema senza la parte grafica, che anche Microsoft con il server 2008 si è accorta che forse non è necessaria in un server. Comunque se volete qualcosa di preincartato anche una Ubuntu server va bene, perchè non installa la parte grafica ed è stata ottimizzata per la condivisione delle proprie risorse. Personalmente utilizzo i sorgenti e costruisco un sistema solo con i pacchetti strettamente necessari. Una parte che deve essere curata in un server è la sicurezza e per questo configurare un firewall è indispensabile, apriamo in ingresso solo le porte strettamente necessarie e creiamo piccoli intervalli in uscita. Ci sono vari programmi per la gestione delle porte, ma senza dubbio iptables compilato nel kernel è il migliore. Come server web consiglio vivamente Apache e come server dati MySQL. Per assegnare dei numeri ip dinamici all’interno della nostra lan interna utilizziamo dhcp come server e dhcpcd come client. Per non dover utilizzare i numeri ip dei singoli computer della nostra rete lan utilizzeremo un server dns, bind è quello che fa per noi, così potremmo creare domini interni di secondo e terzo livello. Come server per la posta interna ed esterna utilizziamo Postfix, magari inserendo un programma come spamassassin per non avere problemi di spam.

Finita la parte di installazione, possiamo configurare i servizi tramite un programma molto utile, che  consente di gestire tutti i pacchetti che ho menzionato precedentemente, il suo nome è Webmin, che ad esempio per una ubuntu è già preconfigurato. Con il browser punteremo all’indirizzo localhost:10000 su protocollo https e potremmo configurare tutti i servizi, avendo una sorta di interfaccia grafica.

Webmin su Linux Mint

Webmin su Linux Mint

Se vogliamo avere il nostro server ( come nel caso della foto qui in alto può anche essere una macchina virtuale con virtualbox e così creare molti server dedicati ) visibile dall’esterno, possiamo utilizzare un servizio gratuito, DynDNS che è sfruttabile direttamente da molti router e creare un dominio di terzo livello col quale accedere; così facendo sarà possibile, aprendo la porta 10000 ( in questo caso consiglio di cambiarla ) in entrata nel firewall, utilizzare webmin da remoto, che potrà anche gestire una rete cluster.
Abbiamo creato con un computer vecchio un server funzionante al 100% e con la mancanza di servizi inutili, anche veloce e performante. In questo articolo ho dato soltanto delle idee, ma approfondendo i singoli argomenti trattati, potrete anche voi creare un server Linux a bassissimo costo, quasi gratis.
Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Un gran bell’articolo ricco di contenuto… se ti può interessare un blog in cui poter inserire direttamente il tuo codice adsense ed essere pagato il 100% dai tuoi click allora informati su tv guida reality!

Pinterest