Social networks specializzati: Anobii



La diffusione del modello del social network ha portato il mercato a produrre soluzioni sempre più numerose e specializzate.

Uno dei limiti dei social networks più aggreganti e diffusi, vedi il caso Facebook, è quello legato al pericolo di disorientamento per parte dell’utenza. L’apertura dello strumento, infatti, se da una parte consente la creazione di reti di relazioni molto aperte, dall’altra rischia di trasformare il network in una babele generalistica, priva di uno scopo preciso e di una comunicazione mirata.

Anobii si propone come network specializzato per la condivisione di informazioni ed archivi relativi alla letteratura. Gli utenti di Anobii hanno a disposizione una loro homepage, in cui possono creare il proprio archivio di libri, creare recensioni sugli stessi, gestire una wishlist ed altro.

anobii

Gli utenti di Anobii possono condividere le loro liste, leggere e commentare quelle degli altri, scoprire quali siano gli utenti con più affinità in termini di gusto, scambiare opinioni sui propri testi preferiti, unirsi in gruppi per discutere di generi o autori specifici.

Anobii mette a disposizione tutti gli strumenti tipici del social network, ottimizzandoli, però, per le esigenze di un’utenza appassionata di lettura.

Siamo alla seconda fase del web 2.0, quella in cui dall’ammirazione per lo strumento, si passa all’utilizzo mirato.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest