Sony Tablet: oltre l’Ipad



Diciamocelo, da quando è uscito l’Ipad, tutti i produttori che si sono cimentati nel mercato dei tablet hanno bene o male adottato dei formati e dei design assolutamente simili a quello dell’azienda di Cupertino.

Qualcuno ha cercato di smarcarsi, come Acer che ha prodotto l’Iconia con due schermi touch, ma in generale la zuppa è sempre la stessa. Ciò che differenzia i tablet non è quindi il prodotto in se, ma il sistema operativo e le applicazioni scaricabili dai vari Apple Store, le porte USB o HDMI per connettersi con il mondo esterno e così via.

Il mercato si è quindi saturato, portando case come la HP ad abbandonare il settore.

E’ naturale quindi che una casa come Sony decida di produrre qualcosa di innovativo.
Sono infatti stati presentati il Sony Tablet S e il Sony Tablet P.

Il primo rimane, come impianto di base, legato al design dell’Ipad, ma è più spesso ed è rialzato in modo da rendere molto più comoda la scrittura sulla tastiera (quella touch non è di per se scomoda, ma da che mondo e mondo una tastiera ha bisogno di rialzi posteriori).

Il secondo è invece più innovativo. Dotato di due schermi da 5 pollici l’uno, può chiudersi su sè stesso come un astuccino. Gli schermi possono lavorare insieme, formando un unico schermo, o parallelamente, in modo da permettere, ad esempio, di controllare degli appunti mentre si scrive un articolo.

Sony ha fatto una grande scommessa con la produzione di questi due nuovi modelli, che però ora devono subire il giudizio del mercato.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest