Steve Jobs lascia Apple



L’azienda Apple è stata fondata il 1 Aprile 1976 da Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne, e si è affermata soprattutto per avere ideato i primi personal computer, con mouse ed interfaccia grafica ad icone.

Nel 2004, a Steve Jobs è stata diagnosticata una rara forma di cancro al pancreas, che avrebbe necessitato di terapia chirurgica. Per i due mesi di assenza, Steve Jobs ha temporaneamente nominato Timothy Cook come amministratore delegato di Apple. Anche il 14 Gennaio 2009, per i suoi problemi di salute, Steve Jobs ha incaricato Timothy Cook della gestione di Apple. Nonostante le sue condizioni di salute, Steve Jobs è riuscito a presentare le novità degli iPod nella conferenza Apple del 9 Settembre 2009 ed il secondo modello dell’iPad in quella svoltasi il 2 Marzo 2011.

Dal 24 Agosto 2011 Steve Jobs lascia definitivamente l’incarico di amministratore delegato di Apple, assegnandolo definitivamente a Timothy Cook, probabilmente proprio a causa delle sue condizioni di salute. Steve Jobs diventa presidente dell’azienda.

Di seguito, verrà riportata la lettera ufficiale inviata da Steve Jobs al consiglio di amministrazione ed alla comunità di Apple:

To the Apple Board of Directors and the Apple Community:

I have always said if there ever came a day when I could no longer meet my duties and expectations as Apple’s CEO, I would be the first to let you know. Unfortunately, that day has come.

I hereby resign as CEO of Apple. I would like to serve, if the Board sees fit, as Chairman of the Board, director and Apple employee.

As far as my successor goes, I strongly recommend that we execute our succession plan and name Tim Cook as CEO of Apple.

I believe Apple’s brightest and most innovative days are ahead of it. And I look forward to watching and contributing to its success in a new role.

I have made some of the best friends of my life at Apple, and I thank you all for the many years of being able to work alongside you.

Steve

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest