Topologia delle reti



Con tale termine ci si riferisce agli aspetti fisici di una rete di calcolatori, tra i quali ci sono: i componenti hardware per la connessione e la distribuzione dei cavi.
Le principali topologie sono:

* bus
* stella
* anello

Reti a bus

Nella topologia a bus, i computer sia client che server, sono connessi attraverso un singolo cavo. La comunicazione tra i vari computer è resa possibile dal fatto che ciascuno di essi ha un indirizzo fisico univoco. Più precisamente la scheda di rete del singolo computer è individuata dal Media Access Control (MAC): un prefisso esadecimale a 12 cifre fornito dal produttore della scheda.

Reti a stella

Si tratta di una topologia in cui è presente una unità centrale di connessione, denominata hub. I vantaggi di una rete a stella sono evidenti, specialmente per reti di grosse dimensioni.

Reti ad anello

Sono simili alle reti a stella, con la differenza che l’unità di connessione, denominata Multi-Station Access Unit (MAU), non è singola. Più precisamente, il numero di unità di connessioni è pari al numero di host presenti nella rete. Ciascun host comunica con il successivo attraverso il MAU.
I dati passano da un host al successivo attraversando i rispettivi MAU, realizzando in tal modo un anello logico, da cui la denominazione di Reti ad anello. Per fissare le idee supponiamo di avere 4 host: Host A, Host B, Host C, Host D, collegati attraverso una rete ad anello. Ipotesi: l’Host A vuole comunicare con l’Host D. Il segnale di dati percorre la rete in senso orario passando per gli Host B e C attraverso il singolo MAU. In questo scenario, i singoli Host fungono da ripetitori nel senso che ciascuno di essi ritrasmette il segnale utilizzando il dispositivo MAU.
La trasmissione dei segnali avviene attraverso la tecnologia token passing, che letteralmente significa “passaggio del gettone”. Difatti, il singolo segnale di dati si comporta alla stregua di un “gettone” che viene man mano aggiornato passando per i singoli host fino a quando non raggiunge l’host destinatario, il quale aggiorna il token per poter comunicare all’host mittente che il segnale è giunto a destinazione.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest