Twitter, il Giappone, le emergenze sanitarie



In Italia, quando occorre un pronto intervento medico, si chiama il 118. In Giappone si chiama il 119. La tecnologia progredisce e ci mettono lo zampino pure i social network, nella fattispecie Twitter. L’uccellino più famoso del mondo sta progettando un sistema che possa chiamare i soccorsi con un tweet, per ora nel Paese del Sol Levante.

 

 

Lecito e logico chiedersi come sia possibile e, soprattutto, più utile sostituire la voce umana con un tweet. Bisogna analizzare il contesto, e precisare che la modalità di richiesta d’intervento attraverso Twitter avverrebbe in caso di calamità naturali tanto gravi da rendere impossibili le comunicazioni telefoniche. Le domande relative al come approntare questo nuovo sistema di soccorso sono molte e molti sono i nodi ancora da sciogliere, ma l’idea è buona.

 

Il paragone con l’utilizzo dei social network come mezzo per comunicare al mondo gli orrori che accadono anche nei luoghi dove Internet è censurato calza a pennello. La Rete come mezzo per avere aiuto, oggi anche concretamente.

 

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest