Twitter, sarà ricordato come una grande bufala e una malriuscita operazione di marketing



Twitter è stato definito il “nuovo” fenomeno di costume per comunicare con gli amici. In realtà non c’è nulla di nuovo, anzi, il servizio si presenta come una ridicola imitazione di uno dei servizi già offerti da facebook.  La grafica minimalista e spartana di certo non è a favore dello stesso del quale mi chiedo ormai da diversi giorni come mai abbia avuto così tanto successo.

Twitter è stato paragonato da molti ad un blog, anche se, è evidente che alla base del blog, l’intento è diverso.

Twitter è si paragonabile ad un blog, ma spogliato di tutto (autocelebrazione, compiacimento, piacioneria, quello che vuoi dipende dai blog) in cui è possibile scrivere i cavoli propri sintetitci e senza fronzoli, quindi inutili.

Il servizio in se, quindi è una grande inutilità e rende molto bene l’idea del “fancazzismo” online tipico dei giovani moderni.

Le notizie positive comunque non mancano, pare infatti che molti fan dei social network come facebook, ne abbiano già le scatole piene e sono partite le prime cancellazioni di massa. Anche  Twitter è un meccanismo virale e quindi è normale che viva di continui fuochi di paglia che poi, lentamente si spegneranno.

Restano quindi delle conclusioni serie da fare:

  • twitter è evidentemente una bufala, un po’ come second life (andatevi a vedere le valanghe di articoli scritti allora e il profondo oblio in cui è caduta ora).
  • facebook è un sistema per trovare contatti perduti da tempo…salvo rendersi conto che nel 95% se questi contatti erano stati interrotti una ragione c’era eccome! Twitter non fa nemmeno questo ed è

    razionalmente un’inutile sciocchezza, un’operazione di marketing

  • se piacesse gli utenti non se ne andrebbero. il problema e’ esattamente questo, grossa manovra di marketing, spesi un sacco di soldi per convincere gente famosa, divi di hollywood, testate giornalistiche a ‘twittare’, ma poi alla fine l’utente medio lo trova inutile.

La gente(prima o poi) se ne andrà, come succede gran parte dei social network…

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • alekdrum

    se solo avessi avuto io l’idea di inventare twitter…

  • vedi, twitter non è un social network come gli altri, se collegato bene è un potente strumento di marketing, enon solo, è molto utili per chi gestisce siti web o progetti, in modo da poter tenere aggiornati gli utenti con notizie flash.
    Non penso minimamente che twitter possa essere dimenticato, anzi è in continua crescita, ed è uno dei pochi strumenti online che definirei seri.

  • Attenzione a sparare sentenze sul web e sui nuovi social media, il rischio di esporsi a “figurette” è molto forte. Twitter non ha nulla a che vedere con i blog e neppure con Facebook, è uno streaming di notizie, è breaking news (e chi ci cazzeggia lo usa in modo improprio e prima o poi si stuferà). Uno strumento che se utilizzato bene può avere una grande utilità ed un grande senso, basta saper scegliere i canali giusti da seguire.

  • Ecco, Claudio Gagliardini è uno di quelli che ha capito a cosa serve twitter! Devo dire che condivido cioò che ha detto e credo che lo facciano in molti.

  • pinimo

    ma siamo seri dai…provate a cercare con google Twitter, divi attori e cantanti nudi sul social network del momento… ma dove andremo a finire. Ogni cosa se utilizzata bene ha grande senso, ma twitter non è utilizzato bene quindi non ha senso.

Pinterest