Ubuntu 11.10: ecco le principali novità



La versione 11.10 della Ubuntu è ora liberamente scaricabile: la Oneiric Ocelot (Gattopardo Onirico), questo il nome della distribuzione, contiene molti elementi di novità rispetto alle precedenti.

Il primo riguarda l’ambiente grafico: la nuova versione non è più basata sul “classico” ambiente GNOME ma  l’interfaccia predefinita diventa Utility3D (presente anche nella versione 2D per l’utilizzo con architetture meno recenti). E’ comunque possibile installare l’interfaccia GNOME3.

A proposito di installazione, Ubuntu Software Centre 5.0 diventa il nuovo gestore dei pacchetti, soppiantando definitivamente Synaptic; il nuovo gestore si presenta con un’interfaccia completamente rinnovata, la quale offre una maggiore semplicità e versatilità nella gestione del software. La vista ad albero delle precedeti versioni di Ubuntu Software Centre è stato sostiuito da un approcio molto più pulito della barra degli strumenti, per navigare tra le varie pagine. Le applicazioni più interessanti o importanti vengono ora visualizzati in primo piano nella pagina principale così come nelle categorie, sfruttando tutto l’insieme delle recensioni che è stato fornito in passato dalla vasta comunità di utilizzatori di Ubuntu.

E’ stato aggiunto, tra le altre cose, il pacchetto Deja Dup per il backup dei dati, mentre Moziilla Thunderbird diventa il client di posta ufficiale, in sostituzione di Evolution. Il Linux Kernel su cui si basa la distribuzione diventa ora il 3.0.

Per il resto, la distribuzione di casa Canonical permette di compiere tutte le operazioni che ci aspettiamo da una workstation: il pacchetto ufficio è presente con Libreoffice, Shotwell permette di gestire le fotografie ed il’indicatore di messaggi consente di avere una vista di insieme sui messaggi in arrivo dai vari social network. Inoltre, un account Ubuntu One gratuito consente di avere 5GB di spazio cloud personale per archiviare e sicronizzare file tra diversi dipositivi.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest