Un robot in stage



Da circa una settimana, la ISS (Stazione Spaziale Internazionale) conta un astronauta in più.

In effetti non si tratta del solito individuo in carne ed ossa, ma di un robot “tutto busto”  in metallo, silicio e plastica; degno successore del famosissimo R2D2 del colosssal Star Wars, con l’ unica differenza che in questo caso ci troviamo nella realtà.

Nato dalla collaborazione fra NASA e General Motors, è costato la bellezza di 2,5 milioni di dollari; tuttavia se la sua fase di prova andasse a buon fine, potrebbe se non sostituire gli umani, almeno costituire una solida spalla in grado di portare a termine lavori umanamente impossibili e comunque, al contrario di quanto potrebbe sembrare, renderebbe possibile il risparmio di ingenti somme di denaro; si potrebbe infatti riparmiare in parte sulle costosissime norme di sicurezza necessarie per i passeggeri umani.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!

Galleria Fotografica

robonaut NASA spazio
Pinterest