Una corte giapponese: Apple non ha infranto brevetti Samsung



La neverending story tra Apple e Samsung sembra essersi arricchita recentemente di un altro episodio. Questa volta è una corte giapponese, la Corte Distrettuale di Tokyo, a sentenziare e a dare ragione ad Apple. A quanto pare, la casa di Cupertino non avrebbe infranto brevetti Samsung, e di conseguenza non deve pagare nulla. Apple era stata accusata, con iPhone 4, iPhone 4s e iPad 2, di aver infranto brevetti di Samsung relativi alla trasmissione dati.

Samsung, ovviamente, non ha preso bene la cosa, pubblicando un comunicato a riguardo. “Siamo delusi dalla decisione della corte. Dopo un esame approfondito della sentenza, determineremo le misure da adottare, tra cui un ricorso”.
Apple, invece, non ha al momento rilasciato alcun commento ufficiale.

Le due multinazionali sono da anni in contrasto nel settore dei brevetti: Apple ha più volte accusato Samsung di copiare spudoratamente i propri prodotti, e proprio la casa coreana è stata condannata, lo scorso Novembre, a pagare 930 milioni di dollari di danni per aver infranto alcuni brevetti Apple. Ormai storica, se facciamo un passo indietro fino a Luglio 2012, la sentenza che condannò Samsung a pagare un miliardo di dollari di danni alla casa di Cupertino.

Viste le dinamiche e i precedenti di Apple e Samsung, qualcosa ci dice che la sentenza di oggi della corte di Tokyo non sarà l’ultima di cui sentiremo parlare.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest