Una cura per ogni male: cancellazione accidentale



La prima regola di base è comunque quella di effettuare sempre una propria copia di dati e iniziare poi a lavorare su di essa. Questa copia in genere contiene il backup del settore di avviamento, della Fat e delle informazioni della directory radice, delle sottocartelle.

Permette così di eseguire perizie giudiziarie ad hoc, mantenendo inalterato il contenuto originale mentre lavoriamo sulla copia. Per capire il ruolo svolto da queste copie di sicurezza dell’area di sistema generate dalle varie utility disponibili sul mercato, consideriamo il processo di recupero da una delle più comuni emergenze del disco fisso: la cancellazione accidentale di un file  prezioso. La prima cosa da comprendere circa il recupero da una cancellazione è che quando si cancella un file, i dati contenuti che costituiscono il file non sono rimossi dal disco ma semplicemente viene eliminato il loro riferimento nel file system per il sistema operativo.  

In pratica i dati sono ancora presenti fisicamente sul supporto di memoria di massa, solo che il sistema non ha più un indirizzo per andarli a cercare. Quando quindi si effettua una cancellazione di alcun file, il sistema operativo svolge questa operazione.

Primo, modifica il nome del file sostituendo il carattere all’iniziale. In secondo luogo, tutte le cartelle della Fat che designano i cluster usati dei file vengono riempite con valori zero. Ciò indica il sistema che tali sono disponibili  a memorizzarvi un altro file; però nel  momento in cui essi vengono effettivamente usati per il nuovo file vengono sopra scritti dati del file cancellato. Perciò, se il file viene cancellato per errore e ci si accorge del fatto quasi subito, c’è buona speranza di recuperarlo utilizzando uno vqualsiasi dei programmi di recupero dati. Questi programmi si basano sul fatto che nella voce di directory per quel file l’unico cambiamento è delle iniziali: sia le dimensioni ,che il puntatore al primo cluster sono rimasti invariati. Se le dimensioni del file sono meno di un cluster, è possibile un recupero completo del file purché, naturalmente, non si sia salvato successivamente un file che possa avere riutilizzato quel cluster. Anche il recupero di file che occupa più di un cluster è possibile se è disponibile un backup delle informazioni per quel file.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest