Uno o più web server su drive USB, con XAMPP si può



Installando e lavorando con un web server, la prima cosa che ci viene in mente è: posso portare con me il lavoro e lavorare da un qualsiasi computer senza problemi?

In questo caso ci viene in aiuto lo XAMPP, uno dei più famosi web server già pronti all’uso che comprende, tra i tanti componenti, un server web Apache, un server database MySql e supporta alcuni dei più diffusi linguaggi di programmazione come PHP e PERL.

Con questa breve guida, è possibile installare quanti web server si vuole per lavorare in piena mobilità, semplicemente scaricando il pacchetto ZIP e impostando le porte in modo che non creino conflitto con eventuali altre installazioni su altri supporti o computer. Noi ci occuperemo di installare Apache e MySql.

Scaricare e preparare il pacchetto XAMPP

Innanzitutto è necessario scaricare il pacchetto XAMPP dal sito ufficiale (attualmente è disponibile la versione 1.7.1) in formato ZIP disponibile qui.

Link per il download del pacchetto XAMPP

Una volta scaricato, è fortemente consigliato scompattarlo nella cartella principale del supporto USB utilizzato, in modo da avere tutte le cartelle e i programmi di avvio/arresto nella cartella X:xampp (dove X, da ora in avanti è sempre la lettera del supporto USB).

Estrazione files

Nel caso si scelga un’altra cartella, sarà necessario modificare i file di configurazione di tutti i componenti utilizzati.

A questo punto il server XAMPP è pronto per essere avviato… ma se abbiamo un altro web server già attivo sul pc oppure le porte che ne consentono il corretto funzionamento sono già occupate? La risposta nel prossimo paragrafo.

Risolvere conflitti di porte

Se è già presente un web server o un’applicazione occupa le porte predefinite (80, 443 e 3306), ci viene in soccorso un programma che si trova nella cartella xampp e si chiama “xampp-portcheck”.

Questa utility consente di verificare la disponibilità delle porte sopra citate, in modo da poter risolvere eventuali conflitti.

Schermata xampp-checkport

Come si può notare dall’immagine, nel nostro caso è già presente un web server sul pc, quindi le porte richieste sono occupate. Per sistemare questo problema basta modificare le relative porte nei seguenti file (è possibile aprirli con il blocco note):

X:xamppapacheconfhttpd.conf
Cerca la linea

Listen 80"/xampp/htdocs"
(poco dopo l’elenco dei LoadModule) e sostituisci la cartella con quella preferita senza la lettera dell’unità, nel nostro caso “/Siti web”, e cerca la linea

(nelle prime righe, subito prima dell’elenco dei LoadModule) e sostituisci la porta 80 con un’altra, ad esempio la 81, e cerca la linea

ServerName localhost:80

(subito dopo l’elenco dei LoadModule) sostituendo anche qui con la porta indicata in precedenza

X:xamppapacheconfextrahttpd-ssl.conf
Cerca la linea

Listen 443

(nelle prime righe) e sostituisci la porta 443 con un’altra, ad esempio la 444

X:xamppmysqlbinmy.ini
Cerca le 2 linee

port = 3306

(sono quasi una sotto l’altra) e sostituisci la porta 3306 con un’altra, ad esempio la 3307.

In questo modo è possibile avviare il web server senza problemi.

Separare la cartella dei documenti da quella del server

Un trucchetto molto utile è separare la cartella dei documenti dal server principale. Questa procedura permette di tenere ordinata la pennetta e di poter anche nascondere la cartella del web server dato che non sarà più utilizzata.

Ad esempio: vogliamo fare in modo tutti i documenti siano in X:Siti web, anziché X:xampphtdocs. Tutto quello che bisogna fare è modificare due linee del file httpd.conf visto in precedenza:

X:xamppapacheconfhttpd.conf

Cerca la linea

DocumentRoot "/xampp/htdocs"

(poco dopo l’elenco dei LoadModule) e sostituisci la cartella con quella preferita senza la lettera dell’unità, nel nostro caso “/Siti web”, e cerca la linea

<Directory "/xampp/htdocs">

(qualche riga più sotto) sostituendo anche qui con la cartella indicata in precedenza.

Il risultato, sarà come quello nella figura:

Cambio DocumentRoot

Da notare che qui vengono inseriti i ‘/’, invece dei classici ‘’ per indicare il percorso di una cartella.

E’ consigliabile, comunque, copiare la cartella phpMyAdmin da X:xampp nella cartella desiderata per poter gestire i database di MySql. Dopo il termine della guida è possibile anche nascondere la cartella xampp

Avvio del web server

Siamo arrivati all’ultimo punto della guida, ovvero avviare il nostro web server. Per avviarlo, basta fare doppio clic su “xampp_start” nella cartella X:xampp. Se la procedura seguita è corretta, basterà aprire il browser preferito e digitare la nostra home page locale http://localhost (oppure http://localhost:81 o altra porta se è stata modificata nei precedenti paragrafi) e verificare che venga visualizzata la prima pagina dello xampp oppure una pagina “Index of”.

Da ora è possibile inserire i file all’interno della cartella X:xampphtdocs oppure la propria cartella preferita se si è scelto di cambiarla.
Per fermare il web server è SEMPRE necessario avviare il programma “xampp_stop. Togliere la pennetta senza fermare il web server rischia di renderla inutilizzabile se non dopo un riavvio o una formattazione.

Per comodità, è anche possibile creare due collegamenti dei programmi “xampp_start” e “xampp_stop” nella directory principale del supporto USB X:, in modo da poter avviare ed arrestare facilmente il web server senza andarlo a ripescare all’interno della cartella X:xampp.

Ecco dunque che il contenuto finale della nostra pennetta USB sarà simile a quello al lato

Risultato finale

Questo è tutto, se avete problemi, suggerimenti o commenti potete scriverli sotto l’articolo.

Buon lavoro!

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Grazie per l’articolo, molto utile anche perché lo xampp non mi parte se ho in funzione altri programmi tipo skype e ora finalmente so dove agire per cambiare la stramaledetta porta usata da tutti “la 80”, infatti basta aprire il file “httpd.conf” e cercare “listen 80” e poco sopra si trova un IP con alla fine “:80” basta metterci un numero diverso tipo 95 e funzionerà contemporaneamente agli altri programmi.

  • Ciao Tuttonauta, grazie per l’apprezzamento :)
    Sono costretto a inserire un’errata corrige, perché evidentemente c’è stato un problema in fase di pubblicazione:

    *Risolvere conflitti di porte*
    X:\xampp\apache\conf\httpd.conf
    Cerca la linea
    Listen 80
    (nelle prime righe, subito prima dell’elenco dei LoadModule) e sostituisci la porta 80 con un’altra, ad esempio la 81, e cerca la linea
    ServerName localhost:80
    (subito dopo l’elenco dei LoadModule) sostituendo anche qui con la porta indicata in precedenza

  • ciao complimenti per la guida. Volevo chiederti questo, se la pennetta usb la uso su vari pc e tra questi il drive della usb non è lo stesso (es. G:/) e quindi cambia ? Si stravolge tutto ? Xampp perde i riferimenti ?

    grazie

  • Ciao pasquale, grazie per i complimenti :)

    Dato che nella guida i percorsi sono “relativi”, il server funzionerà su un qualsiasi pc.
    Le uniche cose che non funzioneranno saranno i due collegamenti spiegati nell’ultimo paragrafo. In tal caso bisognerà far partire il server da X:\xampp

    La guida così com’è scritta, però, è valida solo fino alla v1.7.1 di xampp. Sul sito apachefriends.org è disponibile la v1.7.3 che permette l’installazione diretta su una pennetta usb. Per questo motivo, la procedura descritta nel primo paragrafo risulterà leggermente diversa :)

Pinterest