Video editing con Kino



Ho già parlato di come produrre un buon filmato amatoriale usando sistemi aperti, questa volta voglio riprendere l’ argomento, però al posto dell’ ottimo Cinelerra andremo a conoscere Kino, forse più semplice nel normale utilizzo, un pò spartano, ma con il quale certamente si possono ottenere comunque degli ottimi risultati.

Kino, permette di acquisire i filmati dalla videocamera, é ricco di funzioni per il video editing, permette di tagliare, spostare le clip, aggiungere una base sonora, e molto altro ancora.

Passiamo ora all’ installazione di Kino, se come me siete utenti di una distro Debian o derivata, come ad esempio può essere Ubuntu, possiamo installare Kino usando apt-get:

# apt-get install kino

Per le altre distribuzioni, è possibile utilizzare il tool di gestione dei pacchetti presente di default della vostra distribuzione come ad esempio “yum” per Fedora, oppure Yast per SuSE; naturalmente è possibile compilare i pacchetti da sorgente, per fare questo, occorre accertarsi che tutte le dipendenze siano soddisfatte, e quindi procedere con i canonici:

./configure
make
make install (da root).

Ecco come si presenta il software al primo avvio:

Kino

La finestra principale di Kino è davvero molto intuitiva, Per acquisire i filmati dalla nostra videocamera sarà sufficiente cliccare sul pulsante “Cattura” nella parte destra della finestra principale di Kino.

Conosciamo il software, nella finestra principale sono presenti vari tab, che permettono di accedere alle varie funzioni del programma: agendo sul tab “Modifica” potremo manipolare le clips video che andranno a comporre il filmato, la linguetta “Cattura” serve, come facilmente intuibile, ad acquisire i filmati dalla videocamera, il tal “Timeline” divide il filmato su base temporale, il pulsante “Ritaglio” che serve a lavorare sulle singole clips, il tab “Effetti” dal quale è possibile tutta una serie di effetti al filmato ed infine il tab “Esporta” per salvare ed esportare il video finale.

Acquisire filmati dalla videocamera con Kino è veramente basilare, basta infatti, collegare la videocamera al computer tramite il cavo Firewire in dotazione, accedere al tab “Cattura”, premere il pulsante “AV/C”, quindi basta premere il tasto Play sulla videocamera, ed il tasto “Cattura” in Kino, veramente semplice.
Terminata la fase dell’ acquisizione delle clips video  (dimenticavo, Kino lavora esclusivamente con il formato DV), possiamo iniziare a manipolarle per creare il nostro capolavoro. Passiamo al tab Modifica agendo sui pulsanti posti nella parte destra dell’ applicazione, quindi diamo un’ occhiata allo Storyboard, esso è posizionato nella parte sinistra della finestra, in esso sono presenti tante scene quante ne abbiamo caricate dalla videocamera.

Ogni singola clip può essere spostata, per far questo basta trascinarla con il mouse nella posizione desiderata, possiamo eliminare le scene, possiamo anche dividerle, per fare ciò occorre procedere nel modo: dalla timeline raggiungiamo la parte della clip a partire dalla quale vogliamo far iniziare una nuova scena, quindi dal menu “Modifica” scegliamo “Dividi”, avremo cosi creato una nuova clip, dividendone una esistente.

In maniera contraria è anche possibile unire due clip, basta selezionare il menu “Modifica–>Unisci”.

Per cancellare una scena è sufficiente selezionarla sulla semplicemente storyboard e quindi cliccare sull’icona a forma di forbici.

Infatti, se ci spostiamo a visitare la parte destra della finestra principale di Kino, possiamo notare che sono presenti alcuni pulsanti che corrispondono ad altrettante funzioni del software.

Vediamo l’ uso degli strumenti presenti nella sezione Ritaglio, clicchiamo quindi il corrispettivo tab, ed ecco come si presenta Kino:

   Ritaglio

Andiamo a selezionare una clip dallo storyboard, da questa finestra, possiamo decidere il punto iniziale e finale della nuova scena, il tutto agendo sul tempo, oppure spostando l’ indicatore della timeline con il mouse, e per effettuare il taglio vero e proprio, occorre cliccare sul pulsante triangolare accanto alla selezione temporale, e quindi cliccare il pulsante “Applica”.

Applicare un effetto con Kino è un’ operazione piuttosto banale, proviamo ad inserire un titolo scorrevole, per prima cosa spostiamoci, nella sezione “Effetti”:

Effetti

Per inserire un titolo, occorre selezionare la voce “Titolatore” dal menù a tendina, ora tutto quello che bisogna fare è scrivere il testo voluto, poi specificarne gli attributi (font, dimensioni, colore) e, quindi utilizzare il menù “Posizione ed Animazione” per gestire il movimento del testo, possiamo controllare il lavoro svolto, usando la finestra di preview, ed una volta soddisfatti passiamo alla renderizzazione dell’ effetto cliccando sull’apposito pulsante.

Allo stesso modo possiamo inserire molti filtri video, come il bianco e nero, dissolvenze, effetto seppia, ma anche audio, dipende tutto dalla nostra fantasia.

Una volta terminato con il taglio delle scene ed applicati tutti gli effetti desiderati, non rimane che esportare il filmato, vediamo allora come creare un file mpg che ci servirà poi per creare un DVD-video, spostiamoci allora nella sezione “Esporta”, agendo sul relativo tab, è molto semplice, dopo esserci portati in “Esporta” premiamo “MPEG” ed inseriamo i parametri voluti: il nome del file ed il formato, poi decidiamo se interlacciare o meno e premiamo il tasto “Esporta”, una particolarità è possibile anche generare un file .xml per dvdauthor per creare poi la struttura del DVD, ecco come appare questa sezione:

 Esportazione

Finito, Kino è un programma, basilare, molto semplice da utilizzare, ma con il quale creare dei buoni filmati amatoriali.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
  • Pingback: ZicZac.it, clicca qui e vota questo articolo!()

  • Pingback: diggita.it()

  • Nicola Cantelli

    Ma è possibile con Kino unire più file mov?
    Ho una dir con 16 file mov,in h264 e vorrei unirli per poi creare un unico filmato.
    Se si riesce vorrei capire come.
    Grazie e complimenti per l’articolo

  • simike87

    grazie mille!

Pinterest