Winamp: cavallo di Trojan



Winamp, programma usato per riprodurre musica e video (scaricabile dal sito www.winamp.com), è sempre stato uno dei programmi più gettonati, infatti era ed è possibile installare una miriade di interfacce, effetti grafici, insomma era abbastanza facile da usare anche per gli utenti “meno esperti”, tuttavia la sua strada non e’ priva di difetti, infatti nelle precedenti versioni installava in automatico molti spyware come il Winamp Agent.
Fortunatamente con le ultime versioni pare che ciò sia sparito, ad eccezione del Winamp Agent che comunque può essere disabilitato, ma Winamp continua ad inoltrare informazioni, o almeno tenta di inviarle quando può, anche se gli è stato detto che non si è connessi ad internet e non si ha attiva nessuna altra funzionalità che gli dia una ragione lecita per accedere ad internet.

Winamp oggi, al pari di altre applicazioni, è diventato più “subdolo” nel tentativo di accedere alla rete a vostra insaputa, non tutti quindi sono in grado di verificare che lo fa, in pratica ora non si connette più lui in “prima persona” ad internet, ma usa una sorta di cavallo di Troia per accedervi: usa programmi che di norma accedono ad internet in modo legittimo, che il nostro firewall non blocca perchè ritenuti sicuri, in parole poche sfrutta le DLL che legittimamente usano determinati programmi per accedere alla rete, per inserirvi proprie informazioni e superare qualsiasi barriera per arrivare su internet.

Per provare quanto detto, nonchè sapere in che modo Winamp invia informazioni, è sufficente installare COMODO personal firewall (gratuito) e verificare di persona quante volte e con quanti programmi Winamp cercherà di accedere a internet per inviare alla casa madre i vostri dati, quante volte ascoltate musica, cosa ascoltate, il tempo passato ed ogni possibile altra informazione sia in grado di ricavare dal vostro pc/mac.

Annunci sponsorizzati:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter!
Pinterest